È passato un anno dalla morte di Fabrizio Frizzi, il conduttore televisivo più amato dagli italiani, sempre col sorriso sulle labbra. Frizzi si è spento nella notte tra il 25 e il 26 marzo 2018 all’ospedale Sant’Andrea di Roma lasciando un vuoto che difficilmente potrà essere colmato. Un’emorragia cerebrale per lui è stata fatale: ha lasciato moglie e figlia.

Già il 23 ottobre 2017 aveva avuto un malore, un’ischemia, mentre stava registrando il suo gioiellino, un programma di punta per la Rai: “L’Eredità”. Ricoverato al Policlinico Umberto I di Roma, venne dimesso alcuni giorni dopo.

Se guarirò racconterò tutto nei dettagli, perché diventerò testimone della ricerca. Ora è la ricerca che mi sta aiutando.

Queste le sue ultime parole, poi l’emorragia cerebrale. Fabrizio sapeva di stare male e che la sua battaglia per la vita non sarebbe stata facile.

Il video pubblicato dalla Rai

Ad un anno dalla scomparsa di Fabrizio Frizzi, grande è ancora la commozione e il dispiacere per la sua scomparsa prematura. Personaggi dello spettacolo che lavorarono con lui e gente comune che lo seguiva hanno usato i social per ricordare la sua umanità, il suo sorriso gentile e lo stile di conduzione garbato che era diventato parte dell’immaginario televisivo italiano.

Così la Rai ricorda Frizzi in un video pubblicato pochi minuti fa su YouTube.

Chi era Fabrizio Frizzi

Fabrizio Frizzi ha lavorato per gli italiani per oltre 35 anni: con la sua morte ha sconvolto un intero Paese. Ha condotto programmi tv di successo come “Miss Italia”, “I Soliti Ignoti” e “L’Eredità”, ha seguito personalmente le maratone “Telethon” per sostenere la ricerca medico-scientifica e ha presentato diverse “Partite del cuore”. Un uomo innamoratissimo della sua famiglia, della moglie Carlotta Mantovan e della figlia Stella, nata nel 2014; prima – come ricorderete – un matrimonio con Rita Dalla Chiesa, dalla quale ha divorziato nel 2002 (tra i due, però, ci sono sempre stati ottimi rapporti).