È polemica sulle parole di Francesco Renga che, al DopoFestival, parlando di canzoni ha detto la sua sulle donne a Sanremo. Tutto è cominciato quando a Baglioni è stato chiesto il perché all’Ariston siano arrivate “sei donne su 24 artisti in gara”. Il direttore artistico, senza peli sulla lingua, ha spiegato che si è tratto di un fatto statistico, ci sono state meno proposte femminili. Niente di più, non c’è un motivo preciso.

A questo punto è intervenuto subito Francesco Renga che, al DopoFestival, ha dichiarato:

La voce maschile è più armoniosa, più gradevole; invece, le voci femminili aggraziate, belle, dolci sono sicuramente poche, molte di meno di quelle maschili. Non è un caso che ci siano molti più cantanti maschili, è che la voce maschile ha una gradevolezza migliore, quella femminile ha frequenze diverse, vengono apprezzate veramente solo quando sono davvero speciali.

“Potete dissociarvi” ha tuonato subito Baglioni che, evidentemente, non ha condiviso affatto l’uscita di Renga. Rumoreggia anche il pubblico mentre la conduttrice Rai ricorda il problema delle quote rose in tutti i settori della nostra società. È noto a tutti che le donne, ad esempio, guadagnino meno dei colleghi uomini e che spesso fanno più fatica ad emergere.