È morto il Maestro Franco Zeffirelli, l’uomo che ha saputo trasporre sui palcoscenici più importanti del mondo e sul grande schermo le atmosfere, lo spirito e le emozioni del teatro e dell’opera lirica. Il Maestro del cinema italiano aveva 96 anni e tra i suoi grandi successi ricordiamo Gesù di Nazareth, Fratello Sole e Sorella Luna e la Bisbetica.

È morto questa mattina a seguito di una malattia, uno straordinario talento da regista e sceneggiatore che ha saputo raccontare le storie italiane. L’amore per la Callas, che considerava una musa, l’ha portato alla regia di opere liriche delicate e ricercatissime nei dettagli premiate dal pubblico e dalla critica. Ha ottenuto moltissimi riconoscimenti tra cui cinque Premi Donatello, due Nastri d’argento e due candidature personali all’Oscar.

Riguardo alla sua infanzia al collegio il maestro ricordava: “C’era un’atmosfera sana, casareccia, amorevole – ricorda Zeffirelli parlando dello Spedale in un’intervista rilasciata a Gabriela Jacomella del Corriere della Sera nel dicembre 2006 – non c’era per niente il senso del collegio e i preti e le monache non erano invasivi. Al massimo imponevano una certa disciplina, orari e lezioni”.

Tra i film per il cinema ricordiamo La bisbetica domata con Richard Burton ed Elizabeth Taylor (1967) e, Romeo e Giulietta, protagonisti i giovani Leonard Whiting e  Olivia Hussey (1968) – a metà strada tra cinema e teatro, a dimostrazione di come ci si possa accostare a un classico e rinnovarlo – e Amleto, con Mel Gibson e Glenn Close (1990). Titoli di successo di critica e di pubblico, ai quali s’aggiungono Fratello Sole, Sorella Luna (1972); l’epica impresa del film televisivo Gesù di Nazareth (1977), destinato a un miliardo di spettatori; i film opera Cavalleria Rusticana e Pagliacci con Plácido Domingo, Elena Obraztsova e Teresa Stratas (1982), La traviata interpretati dal duo Domingo – Stratas (1983), Otello in cui, accanto a Domingo, Katia Ricciarelli recita la parte di Desdemona (1986).

Le opere liriche, tutte in scena anche all’Arena di Verona, ricordiamo La Traviata, Romeo e Giulietta, Amleto, Molto rumore per nulla, Don Giovanni e tanti altri.