“Stiamo benissimo, siamo scese a Siracusa e torneremo a Milano mercoledì mattina! Due giorni di relax insieme alle famiglie! Prosegue tutto bene con entrambe le famiglie, quindi state sereni e che questo sia di esempio per moltissimi di voi che non hanno il coraggio e la forza di lottare e rischiare per amore“, queste le parole di Deborah, protagonista di una puntata di “C’è posta per te” insieme alla compagna – poi divenuta moglie – Denise. Un amore ostacolato il loro che, alla fine, ha trovato il giusto coronamento. Le due giovani si sono sposate a fine settembre. Ma facciamo un passo indietro e spieghiamo cosa è accaduto sabato scorso a “C’è posta per te”.

La storia di Deborah e Denise ha commosso l’Italia: non si parla d’altro. Sabato scorso, infatti, le due giovani siracusane hanno preso parte alla puntata di “C’è posta per te”, il programma tv condotto da Maria De Filippi su Canale 5, per provare a riallacciare i rapporti coi genitori di Denise che non avevano mai accettato la loro unione. Sì, perché Deborah e Denise erano fidanzate. Un amore mai accettato dai suoi familiari che sognavano la figlia al fianco di un uomo: Denise, tra l’altro, in passato sarebbe stata legata sentimentalmente a un uomo, poi la decisione di lasciarsi travolgere dall’amore per una donna. In altre parole, la sua famiglia non aveva mai accettato l’omosessualità di Denise.

Solo l’intervento – in questo caso decisivo – della conduttrice Maria De Filippi ha fatto sì che i tre, mamma, papà e fratello (ospiti a “C’è posta per te”), aprissero la busta per una – almeno inizialmente – timida apertura nei confronti della fidanzata della figlia, Deborah. La De Filippi, dunque, è riuscita a far ragionare i genitori della ragazza, a rompere ogni tabù, a superare i pregiudizi, a far prevalere l’amore. Un’impresa non facile che si è conclusa nel migliore dei modi.

Come dimostra un video girato da Gianni Cristallini e Giuseppe Migliara, le due a fine settembre si sono sposate a Siracusa e alle nozze erano presenti anche i genitori e il fratello di Denise. Non potevano di certo mancare al giorno più importante della vita di loro figlia, a prescindere dall’orientamento sessuale e soprattutto sopra ogni pregiudizio.

Presi d’assalto, ovviamente, i profili Facebook di Deborah e Denise che, d’ora in poi, potranno mostrare in pubblico la loro felicità, il loro amore. Senza doversi nascondere e senza temere di far del “male” ai genitori di lei.