Per Antonella Clerici non è stato facile lasciare il suo programma, “La Prova del Cuoco”, che per anni ha condotto con passione registrando ampi consensi. “Era arrivato il momento di lasciare qualcosa che ho sentito come parte di me, l’attimo giusto per fermarsi è arrivato e fare altro è un bisogno imprescindibile. La Prova del Cuoco è stata casa mia ma era giusto mollare ha spiegato a “Oggi”. “Certo, svuotare il camerino dopo così tanto tempo non è stato facile. La nostalgia è tanta perché riaffioravano un sacco di ricordi” ha aggiunto.

Una decisione “soffertissima” a cui, però, pensava già da tre anni: “Se fossi andata avanti sarei certamente scoppiata. Quello che è successo a Fabrizio Frizzi mi ha fatto pensare tanto. Lui che adorava sua figlia e che se n’è andato così precocemente. Dovevo davvero fermarmi e spostare le mie priorità”. La notte prima dell’ultima puntata non potrà mai dimenticarsela: “L’ho passata a leggere quello che mi scrivevano sui social. Ho pianto talmente tanto che la mattina dopo mi sono svegliata con un orzaiolo nell’occhio e in puntata non ho mai trattenuto le lacrime. Andare in onda tutti i giorni significa correre e togliere spazio al resto”.

Adesso vuole godersi le piccole cose: la famiglia, la vita in campagna, la normalità. Lontana dai riflettori, dai ritmi frenetici, dal lavoro. Anche se sta già pensando a “Portobello”, il programma che la Rai ha deciso di affidarle: “Mi confronterò con un mito, Enzo Tortora. Non è semplice e la televisione è cambiata. Quegli ascolti sono impossibili. Rispetterò il format originale”.