Prenderà questa sera il via la parte italiana del Black Cat World Tour di Zucchero, che vede indiscussa protagonista, anche perché unica, l’Arena di Verona.

Adelmo Fornaciari si esibirà infatti nel celebre tempio della musica dal 16 al 28 settembre, prima di dare avvio a una serie di concerti che lo porterà in tutto il mondo, toccando città come Vienna, Varsavia, Praga, Bruxelles, Amsterdam, Londra, Berlino, Monaco, Zurigo, Ginevra, Parigi, Bucarest e Tel Aviv (qui il programma completo).

Ad accompagnarlo nel suo viaggio musicale, a supporto dell’ultimo album Black Cat, preceduto dal singolo di grande successo Partigiano reggiano, un gruppo di musicisti di spessore formato da Polo Jones (basso), Cat Dyson (chitarre), Brian Auger (tastiere), Doug Pettibone (chitarre), Queen Cora Dunham (batteria), Nicola Peruch (tastiere), Adriano Molinari (batteria), Mario Schilirò (chitarre), Andrea Whitt (violino), Tonya Boyd Cannon (cori), Lazaro Amauri Oviedo Dilout (fiati) e Carlos Minoso (fiati).

L’ultimo lavoro discografico di Zucchero comprende 13 brani che riprendono il tradizionale rock-blues che ha reso celebre il cantante: tra i titoli anche Streets Of Surrender (S.O.S.) scritta in collaborazione con Bono, in seguito alla strage del Bataclan di Parigi, ma anche l’ospitata alle chitarre di Mark Knopfler, che suona sia nel brano citato che in Ci si arrende.

In conferenza stampa Zucchero ha affermato che per fornire uno spettacolo sempre inedito ogni sera delle undici di Verona verrà presentato un ospite differente.

La possibile scaletta dei concerti può essere desunta dalla recente esibizione tenutasi al 105 Stadium di Rimini.

  • Partigiano Reggiano
  • 13 Buone Ragioni
  • Vedo Nero
  • Ti Voglio Sposare
  • Ci si arrende
  • Ten More Days
  • L’anno dell’amore
  • Hey Lord
  • Fatti di sogni
  • La tortura della luna
  • Love Again
  • Terra Incognita
  • Voci
  • Iruben Me
  • Diavolo in Me
  • Il suono della domenica
  • Un soffio caldo
  • È un peccato morir
  • Così celeste
  • Diamante
  • Overdose d’amore
  • Con le mani
  • Per colpa di chi
  • Hai scelto me