Federico Zampaglione, leader dei Tiromancino, da molto tempo si dedica al cinema e pare che la cosa gli riesca piuttosto bene, al pari di come succedeva con la musica.

L’ultima, importante, soddisfazione? I riconoscimenti ottenuti da Tulpa, terza fatica del cantautore romano dietro la macchina da presa, sbarcata all’Empire di Londra. Il cinema ha decretato l’enorme successo del film alla serata di gala avvenuta lo scorso sabato. In quell’occasione la pellicola è stata presentata nell’ambito del leggendario festival horror anglosassone Frightfest.

Il film è stato reputato da molti, il momento più folle, imprevisto e fuori dagli schemi di tutto il festival. La critica britannica, infatti, non ha tardato ad esprimersi, evidenziando quanto Zampaglione abbia sostanzialmente reinventato lo stile del giallo, attualizzandolo e rimpinguandolo di morti più elaborate e crudeli, attimi di pura angoscia, sferzate sexy ed anche un pizzico di ironia.

Non è cosa da tutti i giorni conquistare la severa stampa britannica.

È questo l’ennesimo di tanti feedback positivi che gravitano attorno a Tulpa, il quale uscirà in sala distribuito dalla Iris Film, con Claudia Gerini, Michele Placido e Nuot Arquint, già presente nel precedente film di Zampaglione, Shadow. Tulpa è prodotto dalla IDF – Italian Dream Factory fondata e diretta dalla (non solo) attrice Maria Grazia Cucinotta.