Youth – La giovinezza in Italia sarà disponibile soltanto in versione doppiata nella nostra lingua. Per gli amanti delle versioni originali, non ci sarà dunque la possibilità di vedere la nuova pellicola di Paolo Sorrentino nella lingua in cui è stata girata, ovvero l’inglese.

Youth – La giovinezza è un film che in questi giorni sta facendo discutere per svariati motivi. Innanzitutto per le reazioni suscitate al Festival di Cannes, dove ha conquistato un sacco di applausi ma si è beccato pure qualche “buuu!” e alla cerimonia di premiazione che si è tenuta ieri è rimasto a bocca asciutta, come d’altra parte anche gli altri due film italiani in concorso: Mia madre di Nanni Moretti e Il racconto dei racconti – Tale of Tales di Matteo Garrone.

In compenso, Youth sta andando bene al botteghino italiano e sta facendo parlare anche per l’omaggio a Diego Armando Maradona e per il nudo di Madalina Ghenea. Ai vari argomenti di discussione legati all’ultima controversa pellicola di Paolo Sorrentino, premio Oscar per il miglior film straniero con il precedente La grande bellezza, nelle ultime ore se n’è aggiunta un’altra: la questione del doppiaggio.

Youth – La giovinezza si potrà vedere soltanto nella versione doppiata in italiano e non in lingua originale, almeno fino al prossimo settembre, quando uscirà negli Stati Uniti e sugli altri mercati mondiali. La colpa? A quanto pare è della pirateria.

A farlo sapere è Nicola Giuliano della Indigo, produttore del film con Francesca Cima e Carlotta Calori, che su Facebook comunica che: “L’Italia ha ancora un gigantesco problema di pirateria e i nostri distributori americani ci hanno chiesto di non predisporre copie in lingua originale. Ce ne dispiace molto ma non avevamo alternative. Tutti gli altri paesi che escono in lingua originale, Francia compresa, aspetteranno l’uscita americana a settembre. Se, come ci auguriamo, il film avrà lunga vita, le poche copie in inglese che il nostro mercato consente usciranno allora. Scusateci. Grazie”.

Una decisione da parte di Fox Searchlight, la compagnia che distribuirà Youth nei cinema americani, che è destinata a scatenare polemiche e a creare qualche malcontento. Soprattutto tra chi desiderava vedere il film in versione originale.