E’ già passato un anno da quando abbiamo dovuto rinunciare alla splendida voce di Withney Houston (foto by InfoPhoto), un anno dalla sua tragica scelta di farla finita in un hotel di Beverly Hills l’11 febbraio 2012, a soli 48 anni.

Soprannominata ‘The Voice’ per la bellissima e potente voce, ha dominato la scena pop e soul americana negli anni Ottanta e Novanta, vendendo 170 milioni di dischi. Come attrice raggiunse un clamoroso successo con “The Bodyguard”, la cui colonna sonora ha venduto 23 milioni di copie e il singolo “I will always love you” è il singolo più venduto di tutti i tempi e anche la canzone romantica più amata negli States.

La bellezza della sua voce, però, era direttamente proporzionale ai guai della sua vita privata: la dipendenza da droghe, il rapporto tormentato con Bobby Brown il marito violento, il coinvolgimento, nel 2002, in una causa legale con il padre e manager, John Houston, per 100 milioni di dollari, cifra voluta per averla aiutata nella sua carriera e nelle varie controversie affrontate.