Foto, video e dichiarazioni integrali dalla conferenza stampa di The Voice of Italy 2016, svoltasi presso gli Studio 2000 della Rai a Milano.

Presenti, per l’occasione, i quattro giudici Emis Killa, Max Pezzali, Raffaella Carrà e Dolcenera, oltre al presentatore Federico Russo: “Siamo alla quarta edizione, per me la terza, e sono molto felice di essere ancora qua, su questo palco che offre tante opportunità – le parole di quest’ultimo – da questo palco sono usciti tanti talenti, servirà tempo per capire cosa potranno fare ma è già un qualcosa di unico, incredibile. Il talent show è diventato talent scout, un’opportunità per tanti. Sbirciando i ragazzi che parteciperanno ho notato che c’è un cambio generazionale, con tanti Under 18 che per la prima volta avranno l’occasione di poter calcare un palco importante. Il meccanismo quest’anno si è ampliato, ci saranno più possibilità. Le squadre non saranno più composte da 16 talenti ma da 21, le battle saranno a 3 e ci saranno di fatto più possibilità per salire sul palco”.

The Voice of Italy 2016 si sviluppa su 14 puntate: 6 blind audition, 2 di battle a tre, 2 ko e poi la fase finale di maggio, con il live show in quattro puntate. Soddisfazione anche nelle parole di Raffaella Carrà: “The Voice è molto cresciuta – ribadisce – il primo anno non c’erano così tanti giornalisti e fotografi, ora mi sembra che questa sia una trasmissione fiorita; quest’anno non volevo fare televisione ma per The Voice ho un grande debole; sono nata con lei e avere la soddisfazione che qualche ragazza assurga al successo è unica. Quello che cerco è una voce diversa, che abbia presenza scenica e una voce molto personale. Mi diverto con questi tre signori che sono intelligenti; e con gli intelligenti si può anche fare umorismo”.

La new entry più interessante è sicuramente Dolcenera: “In confronto Sanremo è stata una passeggiata – esordise – torno in tv dopo quasi anni in cui ci siamo evitati, come due fidanzati che si prendono tempo. Quando ho saputo che i coach erano loro, mi sono tranquillizzata molto e questo è uno dei motivi per cui ho deciso di farlo e viverlo con serenità. Max Pezzali è onesto, da Raffaella impari a vivere anche se non parla. Ed Emis è un ragazzo intelligente, con senso dell’ironia e che mi ha spinto a tenere alto il ritmo”.

Emis Killa: “Non avrei mai detto che un giorno mi sarei trovato in un contesto del genere, in un programma di successo con questi artisti al mio fianco – le parole del rapper – devo ringraziare chi ha lavorato su di me. Con tante ansie mi butterò in questa nuova avventura, un’opportunità con tante responsabilità; in bocca al lupo a me”

Max Pezzali: “Non avrei mai pensato di poter entrare in questi studi e vedere un’organizzazione così complessa; vedere la tv da questa parte è unico. Per me questa è la prima sorpresa e il primo motivo di gratitudine. Senza dimenticare che, da poche misure, dobbiamo giudicare una voce. Ecco, è la rapidità mentale che non abbiamo nella vita normale che mi mette un’adrenalina strepitosa, mi sa che ci sarà davvero da divertirsi”.