A The Voice 2016 ieri sera è andata in onda una gaffe clamorosa. Raffaella Carrà ha infatti scambiato Bob Marley per Bob Dylan, suscitando momenti di imbarazzo in studio.

E’ accaduto dopo l’esibizione di Joe Croci, giovanissimo (16 anni) interprete di Like a Rolling Stone di Bob Dylan. In attesa del verdetto, la Carrà si è lasciata andare ad una commemorazione del povero Zimmerman, in realtà vivo e vegeto.

“Bob Dylan ci lasciava proprio 35 anni fa…”. A morire l’11 maggio 1981, a causa di un cancro alla pelle, fu Bob Marley. “Ma Dylan è vivo…”, ha solo la forza di dire Croci.

Attimi d’impasse, poi arriva la risata liberatoria da parte di concorrenti e ‘colleghi’ della Carrà, tra cui uno scatenato Emis Killa (che corre ad abbracciarla) ed Alessandra Angeli che prova a scherzarci su: “Stasera la vita di Dylan si è allungata di 35 anni”.

Che sia colpa degli autori, della stessa Carrà, o addirittura un errore voluto, Twitter è andato immediatamente in overdose di cinguettii, con gli utenti che non hanno certo perdonato la battuta a vuoto.

Molti hanno accusato gli autori. Sarebbero stati loro a far incespicare Raffaella anche nel corso della serata del 30 marzo scorso, quando la coach congedò con un fuoriluogo salam aleikum (saluto arabo) un concorrente filippino.

Alice Paba, Charles Kablan,Tanya Borgese, Elya Zambolin (votati dal pubblico) iWolf, Joe Croci, Samuel Pietrasanta, Frances Ascione sono i semifinalisti che si confronteranno lunedì 16 maggio.