Un’intervista complessa quella di Silvia Toffanin a Giuliana De Sio: l’attrice non ha risparmiato frecciatine e freddure contro la conduttrice di Verissimo. Giuliana De Sio era stata invitata nel salotto del sabato pomeriggio di Canale 5 per raccontare qualche anteprima de “Il bello delle donne – qualche tempo dopo” e raccontarsi nel suo privato. La prima parte dell’intervista è stata a dir poco difficile, con Giuliana De Sio infastidita dalle domandi “banali” di Silvia Toffanin, che sentitasi accusato, ha prontamente risposto: “Di cosa vogliamo parlare, vuoi condurre tu l’intervista?”.

La De Sio allora si scusa dicendo di essere molto stanca e stressata da una conferenza stampa tenutasi alla mattina fa marcia indietro e la seconda parte dell’intervista prosegue più serena, nonostante le due rimangano sempre sulla difensiva.
La confidenza raggiunta però permette a Giuliana De Sio di confidare alla Toffanin particolari intimi riguardo la mamma, scomparsa da poco:  “Guardate che bella la mia mamma. Mia mamma è morta da poche settimane e ora mi hai lasciato senza parole. Me la porto dentro, mi porto dentro bene e male, come sempre, perché il rapporto tra figli e genitori non è mai univoco. Il bene è la sua integrità, fino alla follia, cosa che mi ha portato a capire regole della buona educazione; ma anche l’anarchia. Mi ha dato un po’ di bellezza, un po’ perché lei era bellissima, mi ha dato amore e sono contenta di essere stata sua figlia, anche se mi ha fatto anche soffrire, perché era una persona dura… Io sono andata via di casa anche abbastanza presto, a 18 anni, non mi confidavo con lei perché tendeva a giudicare, però ci sentivamo ogni giorno al telefono. Mi manca molto, la morte di un genitore ti mette davanti alla morte stessa, all’assenza, percepisci un vuoto che sembra incolmabile. Lo sto affrontando anche adesso, che è la prima volta che ne parlo in pubblico”. 

Riguarda l’elaborazione del lutto Giuliana De Sio spiega: “Sfortunatamente io sono atea, però prima ne ero fiera, ora non ne sono più molto fiera. Essere credente mi farebbe sentire meglio. Non riuscirei a farlo ora, sarebbe come dire “perché non vai a dormire alle 9 di sera anziché alle 4 di mattina?”.”

L’intervista si conclude con i complimenti di Giuliana De Sio a Silvia Toffanin per quanto sia migliorata.