Cinema e Musica. Due arti che amano spesso camminare a braccetto, conversare, capirsi, amarsi e poi allontanarsi nuovamente per rincontrarsi con vestiti diversi. Prova ne è la sessantanovesima edizione della Mostra del Cinema di Venezia. Il cartellone del festival, in partenza il 29 agosto e in arrivo l’8 settembre, dedica ampio spazio alle note musicali e ai compositori di queste.

Alberto Barbera, la mente della Mostra del Cinema in Laguna, considera la musica d’autore, dunque. Musica e cinema si sposano dando vita ad un rapporto griffato, emozionante. Elegante.

Così, mentre alle Giornate degli autori, sezione giunta alla nona edizione, Stefano Pistolini dedica il suo documentario Finestre Rotte alla figura musicale di Francesco De Gregori, altri appuntamenti fortificano il connubio lungo la kermesse. Spike Lee, famosissimo regista afro-americano, sarà a Venezia per omaggiare Michael Jackson con Bad 25. Il suo documentario arriva 25 anni dopo l’uscita del celebre album di Jacko, Bad.

C’è gloria anche per Enzo Avitabile. il premio Oscar Jonathan Demme (autore del film Il silenzio degli innocenti) si è letteralmente innamorato del sound dell’artista partenopeo. Demme ha dedicato lui un documentario dal titolo Enzo Avitabile Music Life. Ottanta minuti di vita in musica.

Entrambe le opere, quella su Jackson e quella su Avitabile, saranno proiettate il 29 agosto stesso nella sezione Fuori concorso.