L’ attrice di origine pakistana Veena Malik, che ha partecipato all’ edizione indiana del GF, ha esposto denuncia contro la rivista FHM chiedendo un risarcimento di circa due milioni di dollari, per i danni di immagine.

Il giornale indiano è reo di aver pubblicato come foto di copertina una immagine dove la Malik appare semi nuda e alla quale, secondo l’accusa dell’attrice, è stato aggiunto in post produzione un tatuaggio recante la sigla dei servizi segreti pakistani (ISI).

L’ ISI sarebbe, infatti, responsabile, secondo il governo di Nuova Dheli, degli attentati di matrice terroristica islamica, avvenuti in India.

L’attrice pakistana, oltretutto, è stata già accusata in passato per aver lanciato alcune provocazioni di carattere femminista, ed oggi denuncia il magazine che avrebbe manipolato la fotografia dove sul suo braccio compare il simbolo degli 007 di Islamabad.

La rivista risponde di poter provare, con le foto scattate durante il backstage del set, la veridicità della nuova azione provocatoria dell’attrice ed il fatto che la Malik fosse consenziente alla pubblicazione della fotografia in questione.

I conservatori del Pakistan, ai quali un Veena Malik è già piuttosto invisa per ovvie ragioni, hanno mostrato immediatamente chiari segnali di reazione all’oltraggio che l’attrice avrebbe procurato al credo islamico e al Paese di origine.