E’ il periodo dei paradossi per Vasco Rossi: il rocker italiano reduce di un brutto incidente che l’ha costretto in ospedale per diverso tempo per via delle costole rotte e fresco di dichiarazioni che lo vogliono in preda agli ansiolitici da anni, ha dichiarato in questi giorni di non temere il declino, dal momento che semplicemente non avrà luogo.

Vasco risponde al giornalista de ‘Il secolo XIX” Renato Tartarolo che l’aveva dipinto come incapace di affrontare il viale del tramonto, lo fa attraverso la sua pagina Facebook dove testualmente manda questo messaggio:

“non ho paura del declino perchè il declino non ci sarà”.

Vasco Rossi tuttavia aveva cominciato a sparare a zero già dalla scorsa settimana quando intervistato da Red Ronnie aveva risposto alla domanda “cosa pensi di Ligabue?” con una frase piuttosto eloquente:

“penso che sia un bicchiere di talento in un mare di presunzione”.

Una polemica iniziata qualche mese fa quella contro Ligabue, già in tempi passati sempre sulla sua pagina Facebook Vasco aveva scritto:

«Caro Liga, quando avrai scritto anche tu quasi duecento canzoni e avrai pubblicato sedici album inediti potrai essere messo sul mio stesso piano. Devi mangiare ancora un po’ di polenta prima di poterti confrontare con me».