La modella siciliana è stata una delle troniste più amate a Uomini e donne, fu la stessa Maria De Filippi a complimentarsi con Anna Munafò alla fine del suo percorso nel popolare programma di Canale 5. Ex concorrente di Miss Italia e fidanzata per molti anni con Trussardi, decise di partecipare a Uomini e donne per trovare l’amore.

Impossibile dimenticare visto che anche recentemente a Uomini e donne e poi è stato trasmesso il trono di Anna Munafò. Ricorderete che fu molto presa dai due corteggiatori Marco Fantini, ormai accasato con Beatrice, ed Emanuele Trimarchi, dolcissimo e timido il primo e simpaticissimo romanaccio il secondo; alla fine la sua scelta cadde su Emanuele. La storia non durò molto ed oggi l’ex tronista è pronta a voltare pagina.

Qualche giorno fa, Anna Munafò entrò in polemica con Raffaella Mennoia, autrice di Uomini e donne, tutta al femminile e tutta in rete. Tutto ruota intorno alla questione di Emanuele Trimarchi che, stando al gossip, faceva parte di una grossa agenzia romana, cosa della quale erano a conoscenza sia l’autrice che la tronista. Non si capisce chi sapesse cosa ma, tutto sommato, si è trattato di scaramucce che, in apparenza, sarebbero risolte.

Oltre qualsiasi polemica, Anna Munafò, intervistata da ‘Cronaca Rosa’, ha dichiarato che non è nei suoi programmi futuri salire nuovamente sull’ambita poltrona rossa di Uomini e donne. Pur essendo stata una bellissima esperienza, dice, su quel trono si sale una sola volta, la seconda non sarebbe spontanea. Quanto all’amore, dopo il fidanzamento lampo con Emanuele:

Per il momento mi sto concentrando sul lavoro e ho tanti progetti che ho da portare avanti ma l’amore è sempre atteso nella mia vita e la voglia di innamorarmi è sempre viva dentro di me.

Anna Munafò, dopo la sua partecipazione a Uomini e donne, ha un notevole seguito di fan, fra loro c’è chi la osanna, ma non mancano certo i soliti detrattori che si nascondono dietro profili falsi per insultarla:

Quelli non sono fan ma persone ignoranti che non hanno una propria vita!

Photo credit: leonardo.it