Uscirà il 15 giugno Una doppia verità, il legal thriller che vede finalmente Keanu Reeves tornare a ruoli meno impegnativi dal punto di vista fisico ma più da quello psicologico rispetto alle ultime pellicole (pensiamo ai due John Wick).

La pellicola rappresenta la seconda volta dietro la macchina da presa della sceneggiatrice Courtney Hunt, che già nel 2008 aveva firmato il premiatissimo Frozen River.

La trama è incentrata su un omicidio all’apparenza di semplice risoluzione, che però nasconde una serie di segreti che faranno piombare il protagonista in un vortice di menzogne. Mike Lassiter è infatti un ragazzo adolescente che finisce in carcere dopo aver ucciso il padre violento.

Un caso facile, un colpevole già scritto per tutti, ma non per l’ostinato avvocato difensore Richard Ramsey, che ha promesso alla madre di scagionare suo figlio. Dopo l’omicidio il giovane Mike decide di trincerarsi in un silenzio ostinato, non rispondendo ad alcuna domanda, dopo aver detto in prima battuta “andava fatto tanto tempo fa”.

Un’apparente ammissione di colpa che non convince però Ramsey, intenzionato a portare alla luce la verità a qualunque costo. In un gioco di depistaggi e colpi di scena, si muovono testimoni non affidabili e personaggi ambigui, accompagnando lo spettatore in un labirinto di menzogne per un processo che si trasforma, passo dopo passo, in un’adrenalinica corsa contro il tempo.

Oltre a Reeves nel cast troviamo Jim Belushi nei panni del genitore ucciso, Renée Zellweger in quelli della madre e Gabriel Basso nel ruolo del giovane accusato.

La clip in esclusiva per Leonardo.it di Una doppia verità ci mostra il protagonista che cerca di istruire una giovane collega presentando un peculiare saggio di cinismo rispetto alle motivazioni dei testimoni in tribunale.