Momenti di tensione durante il concerto di ieri sera, degli U2 al Globe Arena, a Stoccolma: la band irlandese ha dovuto annullare la data nella città svedese per motivi di sicurezza per via della presunta intrusione di un uomo armato tra la folla, mentre questa stava entrando nella location.

Secondo quanto riferito sia dalla polizia sia dai testimoni, i migliaia di fan presenti sarebbero stati fatti evacuare immediatamente e trattenuti per diverse ore all’esterno dell’edificio poco prima dell’inizio del concerto, previsto per le 20.15

Se bene in un primo momento il promotore della band, la Live Nation, avesse parlato di un problema tecnico, secondo il quotidiano Aftobladet il personale di sicurezza presente nella location avrebbe lasciato passare un uomo munito di rivoltella: questo avrebbe detto di essere un poliziotto che aveva dichiarato di essersi dimenticato di lasciare l’arma sul luogo del lavoro. Per questo motivo sono stati allertati subito sia gli organizzatori sia la polizia, decidendo così di far evacuare la sala: al momento il sospetto non sarebbe ancora stato identificato.

Secondo quanto rivelato dalla rivista svedese “Expressen” – riportato anche sull’Irish Mirror –, però, l’uomo non aveva intenzioni violente contro la band, ma avrebbe minacciato uno spettatore presente al concerto.

In merito a quanto accaduto la band irlandese ha rilasciato un comunicato, annunciando la riprogrammazione del concerto per domani, 22 settembre, scusandosi per l’episodio.

Siccome la violazione non è stata risolta rapidamente e la sicurezza del pubblico è fondamentale, la polizia ha detto a The Globen e alla Live Nation che non avevano altre opzioni ma posticipare lo show di questa sera, spostandolo al 22 settembre”. Ovviamente, come da comunicato tutti i biglietti di domenica 20 settembre saranno validi per la nuova data. “Gli organizzatori si scusano per l’inconveniente causato e ringraziano il pubblico per la loro comprensione. La loro sicurezza è una proprietà”.