La terza stagione di Twin Peaks potrebbe non vedere mai la luce? La notizia è arrivata nelle ultime ore, più inquietante di qualunque scena della serie tv cult creata da David Lynch, per bocca del suo stesso autore.

L’annuncio della stagione numero 3 di Twin Peaks, il clamoroso ritorno a 25 anni di distanza dalla fine della seconda, era arrivato lo scorso 6 ottobre, mandando in visibilio tutti i numerosi fan della serie, che mai avrebbero immaginato l’arrivo di episodi inediti. Stando a quanto annunciato, la nuova stagione è prevista per il 2016 e dovrebbe essere trasmessa negli Stati Uniti da Showtime.

Se fino a pochi giorni fa sembrava tutto confermato e continuavano a susseguirsi le voci sui possibili ritorni degli attori storici, da Sheryl Lee a Kyle MacLachlan, ieri è arrivato uno stop all’entusiasmo dei fan, che già si pregustavano le nuove puntate.

Nel corso di un incontro con la stampa, l’autore e regista della serie David Lynch riguardo alla terza stagione di Twin Peaks a sorpresa ha dichiarato ai giornalisti: “Non lo so. Ci sono complicazioni”. Una frase criptica, misteriosa come quelle presenti nella serie, capace di gettare nel panico più totale chi attendeva i nuovi episodi.

Sul momento non si è saputo di più riguardo alla dichiarazione fatta da David Lynch alla stampa. Ci potrebbero essere problemi legati a qualche presenza nel cast, oppure alle sceneggiature? O ancora, si tratta soltanto di una geniale mossa di marketing per aumentare ulteriormente, se ce ne fosse il bisogno, la curiosità e l’attesa per la tanto sospirata, quanto incerta, stagione numero tre di Twin Peaks?

Nelle ultime ore, allo show australiano The Mix, David Lynch ha chiarito che si tratta di “Complicazioni di natura contrattuale. Non sono ancora tornato, stiamo lavorando ancora al contratto, ma amo il mondo di Twin Peaks e amo quei personaggi.” Successivamente, una fonte vicina alla produzione ha dichiarato: “Non sta accadendo nulla più di quanto non accada con qualsiasi processo di pre-produzione. Tutto va avanti e tutti sono follemente entusiasti ed elettrizzati.”