Cari amici di Twitter, le voci non sono quello che sembra… è vivo! Sta accadendo ancora. Twin Peaks ritorna su Showtime”.

A dare una delle notizie più attese di sempre da cinefili e spettatori tv è proprio David Lynch, che con una mossa a sorpresa è tornato sui suoi passi, annunciando che il famoso serial avrà una terza stagione, nonostante gli screzi che ne avevano compromesso la produzione.

A dividere Showtime e il geniale regista era stata una questione di budget: Lynch pensava che quello offertogli non sarebbe stato sufficiente per fare ciò che aveva in testa per onorare la propria visione.

E la conferma arriva dallo stesso presidente di Showtime David Nevins, che per l’occasione sfoggia delle espressione tutte lynchiane: “Questa dannata tazza di caffè di Mark e David è ancora più deliziosa che mai. Vale tutta la preparazione extra e la tazza è anche più grande di quanto ci fossimo aspettati. David dirigerà l’intera serie che consisterà in più dei nove episodi originariamente annunciati. La preproduzione inizia adesso!

Più soldi e più episodi per Twin Peaks, dunque, anche se non è chiaro se la richiesta dei primi fosse nata proprio per avere una stagione più lunga.

Come è noto, dopo il primo annuncio di Lynch di non poter adempiere ai propri doveri per ragioni di budget si scatenò una campagna online chiamata #saveTwinPeaks, basata sull’idea che senza il suo geniale co-creatore la serie non sarebbe stata la stessa cosa, ma anzi avrebbe perso ciò che la rendeva unica.

A partecipare agli innumerevoli video fu la maggior parte del cast cast del nuovo e del vecchio Twin Peaks, compreso Kyle MacLachlan, che riprenderà il proprio ruolo dell’Agente Cooper, e Sheryl Lee, la Laura Palmer dal cui omicidio prendeva il via il cult che stava rischiando di non resuscitare a nuova vita.