Pessime notizie per tutti i fan di Twin Peaks: David Lynch ha annunciato che non farà parte della terza attesissima stagione. Il regista e co-creatore della serie, insieme a Mark Frost, già negli scorsi giorni aveva parlato di alcuni problemi con la produzione e adesso purtroppo ha confermato di aver abbandonato il progetto.

David Lynch non sarà dunque tra gli autori del reboot di Twin Peaks, previsto in arrivo nel 2016 su Showtime, a 25 anni dal termine della seconda stagione. La motivazione pare sia di carattere economico, giacché l’autore ha fatto sapere che il budget non era adeguato alle sue esigenze.

Su Facebook, David Lynch ha così spiegato la sua decisione di non partecipare alla nuova stagione di Twin Peaks annunciata negli scorsi mesi: “Cari amici di Facebook, Showtime non ha staccato la spina a Twin Peaks. Dopo 1 anno e 4 mesi di negoziati, ho deciso di lasciare io perché non c’erano abbastanza soldi per scrivere la sceneggiatura come doveva essere scritta. Questo fine settimana ho iniziato a chiamare gli attori per far sapere loro che non avrei diretto la nuova stagione. Twin Peaks può essere ancora un buon progetto per Showtime. Mi piace il mondo di Twin Peaks e le cose sarebbero potute andare diversamente.”

Da parte della produzione del network americano Showtime, è arrivata la seguente replica al triste comunicato di David Lynch: “Siamo stati rattristati nel leggere la dichiarazione di David Lynch oggi, credevamo di lavorare alla soluzione migliore con David per il bene dello show. Showtime ama il mondo di Twin Peaks e continuiamo a tenere viva la speranza che si possa riportarlo in televisione in tutto il suo splendore con entrambi i suoi straordinari creatori, David Lynch e Mark Frost al timone”.

Cosa succederà a questo punto? Difficile prevederlo con certezza, visto che David Lynch era un elemento a dir poco fondamentale per la buona riuscita del progetto. Una nuova stagione di Twin Peaks potrebbe comunque venire alla luce, ma certo le cose senza il genio di Lynch non saranno le stesse.