Il comico Enrico Brignano ritorna al cinema con la più classica delle commedie degli equivoci, Tutte lo vogliono, in uscita nelle sale da oggi, in cui è affiancato da una bellezza ispanica come Vanessa Incontrada, ormai da tempo “adottata” dall’Italia.

Alla regia troviamo Alessio Maria Federici, già dietro la macchina da presa di altre pellicole tutte da ridere come Lezioni di cioccolato 2, Fratelli unici e Stai lontana da me dell’anno scorso, che già aveva avuto come protagonista l’istrionico Brignano.

Tutte lo vogliono cerca simpaticamente di fare luce sul mistero rappresentato dalle donne, portatrici di segreti talmente intimi e privati che non si possono rivelare ad anima viva. Per fare ciò mette in scena la storia dell’incontro di Chiara e Orazio, due persone che non potrebbero essere più diverse l’una dell’altra.

Lei è una professionista di un settore tanto alla moda quanto piuttosto vacuo: è una food designer, ovvero rende il cibo più attraente, ed è costantemente sotto l’occhio vigile di una madre snob e ingombrante. Lui invece cerca di campare come può, proponendosi come sciampista canino al suo capo: ingenuo e timido, preferisce la sostanza all’apparenza e ormai da quattro anni non ha più una relazione con una donna, preferendo la compagnia animale.

Un giorno Chiara rincontra per caso Raffaello (Giulio Berruti), un suo ex amore d’infanzia, ancora affascinante come un tempo ma non più inavvicinabile come una volta. Nonostante per la donna si tratti di un’occasione unica, la conoscenza di Orazio, un uomo così distante dal proprio mondo, rischia di cambiarle la vita per sempre.

Nella clip in esclusiva per Leonardo.it vediamo Chiara a una riunione di donne in terapia per problemi di mancato soddisfacimento sessuale. Sarà proprio venendo a conoscenza dell’esistenza dei cosiddetti Gps (Generosi partner sessuali) che si innescherà la commedia degli equivoci per il quale Orazio verrà scambiato per uno di questi benefattori del sesso.

Nel cast di Tutte lo vogliono compaiono anche Ilaria Spada, Gianna Paola Scaffidi, Michela Andreozzi, Marta Zaboli, Andrea Perroni, Giovanna Rei e Massimo Bagnato.