Dalla musica, al cinema fino alla televisione: quest’anno Annalisa ha fatto la tripletta e dopo il nuovo album “Splende” – pubblicato nel febbraio 2015 – e il film “Babbo Natale non viene dal Nord” – uscito lo scorso 26 novembre – la cantante ligure arriverà anche sul piccolo schermo per parlare di fisica attraverso il programma “Tutta colpa di Einstein– Quelli del Cern”.

In onda a partire da domenica 13 dicembre in seconda serata su Italia 1, la scienza verrà raccontata in “chiave pop”: un esperimento ancora inedito per il piccolo schermo il quale cercherà di svelare anche la parte più creativa che si cela dietro al processo scientifico. Con una laurea in fisica ottenuta nel 2009 presso l’Università degli Studi di Torino, Annalisa inizierà il suo viaggio partendo da Savona e arriverà fino al Cern, il più grande laboratorio al mondo di fisica delle particelle con sede a Ginevra, in Svizzera.

Tutta colpa di Einstein – Quelli del Cern sarà un viaggio diviso in tre parti in cui la cantante ha potuto incontrare le persone che lavorano nel centro, dagli studenti fino a Fabiola Giannotti, prima direttrice donna dell’Organizzazione, ma anche, come dichiarato dalla stessa a Panorama, alcuni volti “familiari”: “La cosa divertente è che ho incontrato anche dei miei vecchi compagni di università.”

Come spiegato dall’amministratore delegato della casa di produzione ‘DueB‘  - che ha realizzato il programma in collaborazione con Mediaset -, Luna Berlusconi, l’obiettivo del programma “è quello di portare una realtà unica come quella del Cern nelle case degli italiani in modo fresco e diretto. Per questo abbiamo scelto Annalisa”. La stessa ha infatti dichiarato come la cantante fosse “la persona più accreditata per parlare di fisica” e per fare questo lavoro “abbiamo lavorato un anno in termini di credibilità nei confronti della struttura del CERN”.