I vampiri sono tornati! Carichi di sangue e di belle trovate splatter, ed è per questo che ci piacciono tanto. True Blood sesta stagione è partito con il primo episodio il 16 giugno sulla HBO e arriverà su Fox, in italiano, da lunedì 24 giugno. Scoprite insieme a me la trama e le atmosfere di questa nuova stagione!

L’altro giorno, per descrivere True Blood a un’amica serial-addicted che però non lo aveva mai visto, ho usato queste parole: “Un mix di Spartacus per lo splatter e di Revenge per il trash”. Mi sembrano i paragoni più azzeccati: come in Spartacus, sangue e brandelli di carne (e vampiri che implodono, e momenti di cannibalismo e altre orrende trovate) si sprecano. E per quanto riguarda la similitudine con Revenge, trash-serie tv che ci piace perché succede di tutto, beh: dopo le fate, i lupi mannari, i vampiri originari, i bambini posseduti, le menadi fissate con le orgie, le reincarnazioni, i demoni del fuoco, le storie d’amore lesbo, triangoli sentimentali,fanatici religiosi, possiamo dire che in cinque serie ne abbiamo davvero viste di ogni.

Quello che adoro di True Blood, oltre a questa atmosfera lenta e anacronistica da America d’altri tempi (ben rappresentata dagli opening credits, ovvero dalla sigla, una delle più belle degli ultimi anni) che si porta dietro da cinque anni, è che osa. Magari un po’ troppo – lo splatter è davvero gratuito a volte, ma a farci l’abitudine neanche te ne accorgi – e il triangolo amoroso tra Sookie, la patata fatata, Bill, ora reincarnato in non so quale divinità immortale ed Eric, che dopo il tuffo nell’amore romantico si è totalmente rimbambito ormai ha un po’ stufato, ma non riesco a non divertirmi guardando gli episodi, stagione dopo stagione.

E anche la sesta, partita il 16 giugno sulla HBO  e in arrivo, veloce come il vento, su Fox (canale 111 di Sky) dal 24 giugno alle 22.55, promette scintille. Non so dove si andrà a parare con questa storia di Bill trasformato in Lilith e posseduto da entità sanguinolente, nè con il nuovo cattivo Warlow, vampiro che, tra i malvagi, dovrebbe prendere il posto del mai troppo compianto Russell, impalettato sul finire della scorsa stagione. E vogliamo parlare di questa deriva badass del nuovo capobranco Alcide, che manga braccia di compagni morti per far valere la propria autorità?

Se devo dirvela tutta, il melò tra Pam, Tara, Eric e sua sorella mi ha un po’ stufata: tanto sappiamo benissimo che Pam e Tara sono destinate a una grandissima love story ed Eric è ancora innamorato di Sookie. E anche Jason pronto a cacciare i vampiri da Bon Temps, non lo avevamo già visto durante il suo periodo di fervore religioso insieme al reverendo Newlin?

Eppure, nonostante certe cose le avessi già anticipate nella mia testa dopo i primi cinque minuti di episodio (tipo le baby fate figlie di Andy che diventeranno adolescenti entro la prossima settimana), non ho potuto fare a meno di godermi tutti i 50 minuti di True Blood e come al solito, anche se le dosi di sangue sintetico scarseggiano a Bon Temps, ne voglio ancora.

E voi?