Parte oggi il Tribeca Film Festival, la rassegna cinematografica ideata da Robert De Niro nel 2002.

Quest’anno saranno proiettata 90 pellicole indipendenti provenienti da tutto il mondo.

La rassegna è stata creata dall’attore insieme a Jane Rosenthal e Craig Hatkoff dopo la tragedia dell’11 settembre, allo scopo di portare una nuova luce e nuova linfa alla scena artistica, in modo particolare quella cinematografica, di New York.

Una serie di nomi importanti anche per la commissione preposta alla selezione dei film: Genna Terranova, Frederic Boyer (ex direttore Festival di Cannes) e Geoffrey Gilmore (Sundance film Fesrival). La commissione ha scelto una serie di film che potessero rivolgersi alla variegata comunità newyorchese, senza tralasciare di dedicare spazio anche al cinema europeo.

La giuria del Tribeca Film Festival, che dovrà premiare le pellicole in sei diverse categorie, è presieduta da Irwin Winkler, e composta da personaggi diversi del mondo del cinema americano come Patricia Clarkson, Dakota Fanning, Michael Moore e Kim Cattrall.

L’Italia sarà rappresentata da Pietro Marcello, con il film “La bocca del Lupo”, in concorso nella sezione Disappearing Act IV, una storia d’amore tra due carcerati, e da Antonio Bussone protagonista del documentario “DownEast”, che racconta la storia dell’ultima fabbrica di sardine del Maine.