Francesco Totti annuncia l’abbandono ai campi di gioco alla fine della stagione di campionato e intanto si laurea honoris causa all’università di Venezia presso il Master in Strategie per il Business dello Sport. Non è l’ennesima barzelletta o battuta sul campione Giallo Rosso ma l’ottavo Re di Roma, Francesco Totti, ha ricevuto il riconoscimento del master universitario di primo livello presso la sede del Coni a Roma. Il campione che ha ricevuto il diploma insieme ai 33 ragazzi che hanno realmente frequentato il master ha dichiarato: “Sono un pesce fuor d’acqua, non c’entro niente qui – ha esordito – ma sono comunque molto contento” e poi scherzando ha fatto una delle gaffe alla Totti sulla coniugazione dei verbi in Italiano: “Io non ho avuto la possibilità di frequentare questo master, ma meno male, altrimenti non so se l’avessi avuto il titolo“.

Riguardo l’abbandono della Roma e dei campi da gioco su Facebook scrive un post dove racconta il suo stato d’animo: “Roma-Genoa, domenica 28 maggio 2017, l’ultima volta in cui potrò indossare la maglia della Roma.È impossibile esprimere in poche parole tutto quello che questi colori hanno rappresentato, rappresentano e rappresenteranno per me. Sempre. Sento solo che il mio amore per il calcio non passa: è una passione, la mia passione. È talmente profonda che non posso pensare di smettere di alimentarla. Mai. Da lunedì sono pronto a ripartire. Sono pronto per una nuova sfida.” mente durante il Master ha dedicato la sua carriera ai genitori “A loro devo tutto, il merito di quello che sono è tutto loro, un po’ anche mio, ma per la maggior parte loro”.

Totti un campione sul campo e fuori dai campi da gioco, un esempio di sportivo sano e positivo.