Si è spento lo scorso martedì 26 novembre l’attore Tony Musante. Ad annunciarlo è il sito The Hollywood Reporter che conferma che l’attore statunitense di origini italiane è deceduto al Lenox Hill Hospital di New York per complicanze a seguito di un intervento chirurgico.

Nel 1960 Musante esordì sui palcoscenici dell’off-Broadway, dove venne notato dal produttore David Susskind che lo scelse per il ruolo del giovane delinquente nello sceneggiato televisivo Ride With Terror. A quella faranno seguito altre interpretazioni in telefilm, tra cui uno della celebre serie Alfred Hitchcock presenta…

Ha spesso interpretato ruoli da teppista o da personaggio poco raccomandabile. Nel 1967 porta sul grande schermo il suo primo ruolo televisivo, nella riduzione cinematografica di Ride with terrorintitolata New York ore tre: l’ora dei vigliacchi (The Incident), guadagnando subito premi, visibilità e successo. Dopo altri polizieschi, è chiamato in Italia per uno spaghetti-western, ma il film che lo farà conoscere al pubblico italiano è L’uccello dalle piume di cristallo, pellicola di esordio di Dario Argento.

A questo fanno seguito due film di grande successo commerciale: Metti, una sera a cena (1969) e Anonimo veneziano (1970), entrambi interpretati con Florinda Bolkan, partner che reincontrerà quindici anni dopo in La gabbia.

Nel 1973 torna alla TV con la serie di telefilm Toma, in cui impersona l’omonimo poliziotto italo-americano del New Jersey. La serie durerà una sola stagione, e il fortunato ruolo sarà ereditato da Robert Blake con il nome Baretta. Negli anni ottanta solo due i suoi ruoli significativi, nel già citato La gabbia di Giuseppe Patroni Griffi e ne Il pentito di Pasquale Squitieri.

Verso la fine degli anni ’90, partecipa alla serie televisiva della HBO Oz, nel ruolo del temutissimo boss italoamericano Nino Schibetta.

Nel 2003 recita nel film La vita come viene, per la regia di Stefano Incerti, e nel 2007 interpreta un poliziotto nel film I padroni della notte. Ultimamente è apparso in alcuni lavori televisivi, tra cuiPupetta – Il coraggio e la passione per la regia di Luciano Odorisio nel ruolo di Don Luigi Vitiello.