Il pluripremiato attore italiano Toni Servillo, interprete sublime di molti ruoli indimenticabili e soprattutto del Gep Gambardella ne “La Grande Bellezza” di Paolo Sorrentino, riceve un altro importante riconoscimento: la cittadinanza onoraria di Napoli.

Nato ad Afragola (Napoli) nel 1959, Servillo ha ricevuto l’onorificenza dal sindaco della città partenopea Luigi De Magistris, durante una cerimonia officiata nella sala Baroni del Maschio Angioino, per l’occasione gremita di persone accorse per rendere omaggio al grande attore. Nel video qui proposto possiamo ascoltare il discorso di De Magistris, nel momento in cui consegna a Servillo le chiavi della città. Il sindaco si appella a lui: “Diventare cittadino napoletano ti dà delle responsabilità. Ti chiediamo di spronarci e di non farci mai addormentare, di risvegliare il senso di orgoglio e appartenenza dei napoletani. E ti preghiamo di raccontare Napoli nella sua complessità al di là dei luoghi comuni della pizza e mandolino“.

Servillo ricambia con un appassionato discorso, si dice contento soprattutto per la numerosa presenza di giovani e ammette: “Se ho un piccolo merito nel ricevere questa cittadinanza è nell’aver lottato per il teatro e per la storia del teatro napoletano con i compagni dei teatri uniti restando sul territorio“.  E conclude con il modo a lui più congeniale: la lettura di un intenso inno d’amore alla sua nuova città, che come lui stesso dichiara, “Mi ha reso quello che sono“.

(Video credit: Iou Tubber, YouTube; Photo credit: Infophoto)