Uno degli attori italiani più amati in patria e all’estero, Kim Rossi Stuart, farà parte della spedizione tricolore al prossimo Festival di Venezia, dove presenterà fuori concorso la sua seconda opera da regista, Tommaso.

La pellicola rappresenta infatti un nuovo passo per il cammino da cineasta dell’attore, che già esattamente dieci anni fa aveva debuttato con Anche libero va bene, esordio accolto positivamente da pubblico e critica dopo essere stato portato a Cannes nella sezione della Quinzaine des Réalisateurs.

La storia raccontata in Tommaso sembra avere delle sfumature autobiografiche, o in ogni caso pare raccontare in modo grottesco e satirico i retroscena della vita di un attore di successo. Il protagonista riesce infatti farsi lasciare dalla compagna Chiara dopo una lunga relazione.

Ora ad attenderlo pensa ci sia una sconfinata libertà e innumerevoli avventure. È un attore giovane, bello, gentile e romantico ma oscilla perennemente tra slanci e resistenze e presto si rende conto di essere libero solo di ripetere sempre lo stesso copione: insomma è una “bomba innescata” sulla strada delle donne che incontra.

Le sue relazioni finiscono dolorosamente sempre nello stesso modo, tra inconfessabili pensieri e paure paralizzanti. Questa sua coazione a ripetere un giorno finalmente s’interrompe e intorno a sé si genera un vuoto assoluto. Tommaso ora è solo e non ha più scampo: deve affrontare quel momento del suo passato in cui tutto si è fermato.

Nel cast del film, oltre allo stesso regista, troviamo anche un trio di donne composto da Cristiana Capotondi, Camilla Diana e Jasmine Trinca, nonché Dagmar Lassander, Renato Scarpa, Edoardo Pesce e Serra Ylmaz, attrice feticcio di Ferzan Ozpetek. Ancora ignota la data d’uscita nelle sale italiane.