Tommaso Trussardi affida a Facebook il suo sfogo per essere stato fermato dai vigili urbani di Milano e sottoposto ad un controllo piuttosto zelante e diventa, nel giro di poche ore, il bersaglio della dissacrante ironia del web.

 Capisco la tensione del momento – scrive il marito di Michelle Hunziker – ma fermare una persona alle 7:30 della mattina in giacca e cravatta… lasciatemi dire, non del tutto sconosciuto… con la sua auto d’epoca mentre stava cercando di andare in motorizzazione ad immatricolarla (regolarmente provvisto di targa prova)… Lo trovo a dir poco eccessivo, in un momento in cui le attenzioni delle nostre amate forze dell’ordine dovrebbero essere rivolte a ben altre cose…PS.Alla fine di tutto mi hanno tolto 5 punti perché avevo il navigatore del telefonino cellulare acceso appoggiato sul sedile lato passeggero… dato che ovviamente l’auto (vista l’età) ne è sprovvista. Questo secondo loro mi avrebbe potuto distogliere dalla normale guida. Grazie.

Questa mattina in Piazza della Scala mi è successo un episodio singolare: sono stato fermato da sei agenti della Polizia…

Posted by Tomaso Trussardi on Mercoledì 25 novembre 2015

Certo che anche i vigili, come hanno fatto a non riconoscere Trussardi? L’imprenditore dopo il suo post è ben presto diventato oggetto di ironia sui social e su Facebook qualcuno gli ha pure dedicato un evento per solidarizzare con lui: “Spieghiamo a tutti i poliziotti d’Italia chi è Tomaso Trussardi”.

Su Twitter, invece, l’imbarazzo della scelta…

https://twitter.com/lddio/status/669626318489853952

https://twitter.com/stanzaselvaggia/status/669834393909911552

https://twitter.com/ItsCetty/status/669869112361918464

https://twitter.com/VinsMarques/status/669816779531776000

https://twitter.com/j_gufo/status/669801121154801664

https://twitter.com/Comeprincipe/status/669614825434165248

https://twitter.com/franco_bagnasco/status/669593136465707008

https://twitter.com/Andrea_Agostani/status/669529535688372224