Non è stata una sorpresa, la ragazza albanese ha una voce inconfondibile che è riuscita a battere il super favorito Timothy Cavicchini.

Avevamo raccontato ieri sera che si trattava di ‘cronaca di una vittoria annunciata’ prendendo in prestito il titolo di un famoso romanzo. E così è stato, infatti, Elhaida Dani ha vinto la prima edizione di The voice Italia, il talent show di Rai2 che è riuscito a incuriosire gli italiani, tanto da poterlo dichiarare un programma di successo con una seconda edizione già ipotizzata.

Oggi parliamo di Elhaida Dani, con lei ha vinto anche Riccarco Cocciante, il coach apparentemente meno brioso degli altri di The voice Italia. Lui ha parlato poco, non si è mai sbracciato, né è apparso mai commosso, solo una volta gli sono scappate le lacrime, è stato quando Mattia Lever ha cantato quella ‘Le tasche piene di sassi’ che gli ricordava sua madre.

In Elhaida Dani aveva creduto fin da subito, alle audizioni al buio si erano girati tutti i coach, non poteva essere altrimenti con quella voce così ben impostata e potente. Lei non aveva avuto dubbi ed aveva scelto il Maestro, il ‘signor Riccardo Cocciante‘. Per lui è stato come vincere un terno al lotto, sapeva che quella giovane donna albanese sarebbe stata la punta di diamante del suo team.

La finale di The voice Italia è stata molto vivace, tre mesi di casting, in buona sostanza. Erano partiti in 64, mano a mano i team di Raffaella Carrà, Riccardo Cocciante, Piero Pelù e Noemi, si sono assottigliati, fino ad arrivare alla finalissima con soli quattro concorrenti. Elhaida Dani ha superato tutte le fasi, dalle audizioni al buio, alle Battle, ai Live Show quando è arrivato anche il televoto.

La cantante albanese ha proseguito il suo percorso con molta serenità, quando Riccardo Cocciante ha dovuto scegliere fra Elhaida Dani e Mattia Lever, fortissimo al televoto, ha immediatamente scelto lei, sicuro di avere la carta vincente in mano.

E così è stato, Elhaida Dani è riuscita a battere al televoto anche il super favorito Timothy Cavicchini, dato per favorito fin dalle audizioni al buio, un graffio non indifferente nella voce, energico rocker, bello e tatuatissimo, ruvido nella voce e padrone del palco. Ma tutto questo non è servito per mettere in un cantuccio il talento albanese che è piaciuto molto agli italiani.

Ieri sera Elhaida Dani ha regalato un duetto con Riccardo Cocciante sulle note di ‘Margherita’, brano molto famoso in Albania, ha voluto precisare lei. Difficile da cantare perchè cucito addosso al suo coach. Troppo personale, si poteva pensare, e lui non aveva mai voluto dividerla con altri artisti. Ma nella finalissima di The voice Italia l’ha fatto, ed è stato un trionfo per l’inedita coppia.

Addirittura, c’è stato un bis fuori programma e Riccardo Cocciante ha cantato a cappella con il pubblico, tutti in piedi ed un’ovazione come poche se ne erano viste nel talent. Elhaida Dani ha voluto ringraziare tutti gli italiani per questa opportunità, per l’accoglienza ricevuta nel nostro paese. Lei non è nuova ai talent, nel suo paese aveva vinto Star Academy, con questa vittoria entra nel mondo discografico.

Ed a parte l’entusiasmo di una star nascente, c’è da domandarsi se per Elhaida Dani si sia davvero spalancato un mondo. Nei talent, si sa, si può coronare il proprio sogno, ma bisogna saper gestire la notorietà televisiva acquisita. Sono pochi gli artisti che sono riusciti mantenere il loro successo negli anni dimostrando di essere veri talenti e non un prodotto preconfezionato da talent.

Ci riuscirà la bella albanese? Intanto, Elhaida Dani ha conquistato il montepremi ed un contratto discografico con la Universal. Vien da fare una sola considerazione, la vincitrice di The voice Italia è albanese ed ha cantato un inedito in inglese. Ma siamo sicuri che fosse l’edizione italiana di questo format novità della televisione italiana? Non doveva forse vincere un talento italico?