Comincia stasera la seconda fase del talent di Rai 2 The voice Italia, si chiama Battle e segna l’inizio della gara vera e propria. La 4 squadre sono formate e, purtroppo per loro, qualcuno questa sera terminerà l’avventura televisiva. Ci saranno infatti le prime eliminazioni fra i concorrenti della stessa squadra. Non ci sarà televoto, essendo ancora una puntata registrata.

A decidere il destino degli artisti in gara, saranno i coach di The voice Italia, che da questa settimana sono affiancati dai super coach Gianni Morandi, i Modà, Mario Biondi e Cristiano Godano dei Marlene Kuntz, rispettivamente con Raffaella Carrà, Riccardo Cocciante, Noemi e Piero Pelù.

A fra poco con la diretta.

Si comincia con un breve riassunto delle puntate prececdenti, Fabio Troiano mostra il ring sul quale si esibiranno in concorrenti e spiega il regolamento, i giudici formeranno 8 coppie posizionando gli otto concorrenti per ogni squadra. Vengono anche presentati gli special coach, tutto confermato quindi.

Dopo la pubblicità Fabio Troiano presenta i quattro coach, agghindati tutti in total black tranne Noemi che ha preferito il giallo canarino della camicetta.

I primi due a scendere in campo con i duelli sono della squadra di Raffaella Carrà,
Stefania Tasca e Marianna Barracane, perchè entrambe hanno la grinta necessaria per cantare ‘The Edge of Glory’ di Lady Gaga. Appare anche Gianni Morandi che inizia a valutare la situazione. C’è da dire che la Carrà riesce a smuovere le montagne con la sua capacità di comunicazione, sono in molti a dover imparare da lei che si può essere potenti anche restando semplici.

Chi non vorrebbe incontrare Pelù nella fase finale? Raffaella Carrà, risponde. Lei sceglierà la persona che ritiene più matura e pronta al prossimo scontro, spiega, e fa passare ai Live Stefania Tasca.

Tocca alla squadra di Piero Pelù, la sfida sarà fra Danny Losito e Savio Vurchio che incontrano subito Cristiano Godano, due bellissime voci che si scontrano sul ring. Con il suo solito linguaggio colorito, Pelù spiega che devono metterci molta energia, devono lasciarsi andare. I duellanti si cimentano in The Crazy da uno spaghetti western.

Pelù ha chiesto uno scontro ‘maschio’ fra i due più anziani del suo team. Come si fa a scegliere fra due voci così belle? ‘Si è infilato in un cespuglio di cazzotti’ dice Piero, Savio si è fatto sottomettere dalla voce di Danny. Il pubblico rumoreggia ed alla fine sceglie chi ha dimostrato di essere un po’ pazzo, ecco perchè sceglie Danny Losito. Peccato per Savio, una voce molto potente e sarebbe stata una buonissima occasione per realizzare il suo sogno e lo meritava davvero.

Riccardo Cocciante porta sul ring Jessica Morlacchi e Maria Teresa Amato con ‘Totally Eclypse of The Heart’. Ed arrivano i Modà. Due voci impetuose a confronto, regalano entrambe un gran bel cantare nonostante il brano non sia proprio facile. C’è molta tensione nell’aria, scendono lacrime delle ragazze, Cocciante decide di portare ai Live Jessica Morlacchi per quel pizzico di classe in più, spiega il coach. Una piccola consolazione per l’esclusa, l’invito alle audizioni dei suoi spettacoli.

La rossa Noemi porta sul ring Giuliana Danzè e Paola Gruppuso, arriva anche la presentazione di Mario Biondi, che ritiene Giuliana la più pronta. Per loro sceglie di ‘Fireworks’ di Katy Perry. Giuliana è molto brava, forse un filo meglio di Paola. Noemi sceglie Giuliana Danzè e se lo merita tutto.

La seconda coppia scelta della Carrà è formata da Matteo Lotti e Daniele Vit, il brano scelto è ‘This love’ dei Maroon 5, tanto per cambiare un brano in inglese. Non sembrano essere molto amici i due, entrambi ritengono di essere meglio dell’altro e, se proprio bisogna scegliere, meglio Daniele. La Carrà sceglie Matteo Lotti perchè musicista e strumentista. Piccola polemica dell’escluso che non accetta il verdetto.

Piero Pelù schiera Roberta Orrù e Francesco Guasti e finalmente arriva anche un brano in italiano ‘Pigro’ di Ivan Graziani. Durante le prove Francesco ha avuto un momento di sconforto e voleva tornare a casa. Frizzantini entrambi anche molto diversi fra loro, Pelù prende tempo a decide di portare ai Live Francesco Guasti.

Sul ring per Riccardo Cocciante salgono Lisa Manara e Giulia Saguatti, ci vuole forza interpretativa per questo brano, ‘Nothing’s compares to you’. Due stili completamente diversi, ma passa il turno la più ‘emozionante’, secondo il coach, Giulia Saguatti.

Per il team di Noemi tocca a Jacopo Sanna e Flavio Capasso, il pezzo scelto è ‘La differenza fra te e me’ di Tiziano Ferro che presenta tante sfumature da interpretare con intensità. Interpretazioni molto personalizzate, Noemi rinuncia ad uno dei pochi maschietti della sua squadra e porta avanti il più pronto, Flavio Capasso.

La coppia in gara è di Raffaella Carrà che chiama Paola Licata e Denise Faro, il pezzo è di Gianni Morandi l’evergreen ‘Scende la pioggia’. Una timida e impacciata, l’altra con molta presenza scenica. La Carrà sceglie con ‘testa e cuore’ Paola Licata. Ma quanto ci piace la sua semplicità!

Una canzone molto piccante dice Piero Pelù, ‘Proud Mary’ nella versione di Tina Turner,.per questo sceglie Valentina Tamacere e Marica Lermani, per cantsare il brano bisogna essere ‘fimmine’ dice il coach. Vediamo meglio Marica, ‘riempie’ la scena, è più trascinante. Pelù opta per la timbrica vocale di Marica Lermani. Ottima scelta!

Donato Perrone e Samuele Spallitta duellano per Riccardo Cocciante, ‘Senza una donna’ di Zucchero. Uno molto blues più simile al cantautore, l’altro più rock. Sono bravi entrambi, belli da vedere e da sentire, e insieme stanno bene, peccato che uno debba necessariamente uscire. Sempre con il cipiglio austero, Cocciante suda e toglie la giacca perch suda, la scelta incombe e, quindi, quasi a bassa voce manda avanti Donato Perrone.

Finisce la prima puntata delle Battle di The voice Italia, le prime scelte sono state fatte, grande gioia per chi arriverà ai Live ma per gli altri c’è grande possibilità, sono ugualmente molto interessanti. Una curiosità che salta subito all’occhio è che tutti i giudici si siano poi pentiti di aver messo in duello alcuni personaggi molto forti, ma allora perchè farlo?