Terminate le puntate registrate delle prime due fasi, dal 25 aprile parte la fase in diretta dei Live. Ecco le squadre complete.

Anche la seconda fase di The voice Italia è giunta al termine, ieri sera è andata in onda l’ultima delle tre puntate delle Battle, che ha visto le ultime sfide fra i componenti della stessa squadra per accaparrarsi gli ultimi dieci posti disponibili per la fase finale dei Live.

Anche ieri sera gli ascolti di The voice Italia sono stati discreti, sono stati 3.016.000 i telespettatori (12.67 per cento di share) interessati al talent show di Rai 2. A piacere, soprattutto, le audizioni al buio, quando i coach dovevano scegliere il talentuoso puntando solo sulla voce. Sono state, in effetti, le più interessanti, scegliere il concorrente solo basandosi sulla voce, senza nessuna altra distrazione di età, sesso, look e forma fisica, significa abbattere tante barriere.

In questo il format di The voice Italia è davvero ben riuscito. I quattro coach si sono ben barcamenati fra voci dal sesso indefinibile, ugole talmente cristalline da essere confuse per giovanissime, salvo poi sorprendersi nel vedere un ‘anta’ al girare la poltrona rossa.

Se la prima fase ha divertito molto, forse più noiosa la fase delle Battle, alla fine di ogni duello sul ring, i quattro giudici di The voice Italia sono stati abbastanza ripetitivi fra un ‘è veramente difficile’, ‘una guerra fra titani’ e simili. Probabilmente la risposta si sapeva già, peccato che alcune ugole d’oro siano state eliminate. Ma questo è il gioco.

The voice Italia è partito con 64 concorrenti che si sono ridotti a 32 per la fase dei Live, 8 concorrenti per ogni squadra. Al fianco di Fabio Troiano, dal 25 aprile arriverà anche Carolina di Domenico. Ma vediamo come saranno composte le squadre dei quattro coach dopo le eliminazioni dell’ultima Battle.

Squadra Raffaella Carrà
Ha scelto di incoraggiare i giovani perchè si sentiva una sorta di mamma per questi ragazzi ai quali gettare le basi di un futuro roseo. Peccato che abbia eliminato delle voci che sarà difficile ritrovare o talenti che avrebbero meritato una ulteriore chance, vedi Daniele Vit. Per ogni decisione sofferta ha pianto, peggio di ‘Carramba che sorpresa. Ecco la squadra: Matteo Lotti, Paola Licata, Pamela Lacerenza, Veronica De Simone, Manuel Foresta, Stefania Tasca, Emanuele Lucas, Michelle Perera.

Squadra Riccardo Cocciante
Alle audizioni al buio è stato sicuramente il coach meno gettonato, spesso si è lamentato di essere considerato molto severo, forse intimoriti dal suo aplomb. Ad alleggerire questo clima, sono arrivati i Modà. Riccardo Cocciante non si è mai scomposto ed ha valutato il perfezionismo con giudizio e competenza. E non poteva essere altrimenti per uno che ha prodotto opere popolari a livello di Notre Dame e Romeo e Giulietta. Ecco la squadra: Mattia Lever, Jessica Morlacchi, Giulia Saguatti, Donato Perrone, Lorenzo Campani, Francesco Monti, Elhaida Dani, Federica Celio.

Squadra Piero Pelù
L’anima rock di The voice Italia è sicuramente lui, fuori dagli schemi, giudizi sempre azzeccati, fra ‘canne’, ‘bombe’, un talent ‘bastardo’, ha cercato di uscire dalla liturgia. Non ci sono dubbi che nei Live darà il meglio di sé. Ecco la squadra: Danny Losito, Marica Lermani, Cristina Balestriere, Marco Cantagalli, Francesco Guasti, Alessandra Parisi, Giulia Penza, Timothy Cavicchini.

Squadra Noemi
La più giovane con meno esperienza alle spalle, non ha certo sfigurato nei confronti degli esimi colleghi. Un esempio per i talentuosi che credono molto in un talent come The voice Italia, pur non avendo vinto X Factor, ha fatto molta strada ed è riuscita ad ottenere un successo nazionale invidiabile. Lei è la dimostrazione che vincere non va a braccetto con la notorietà e la carriera futura. Chi ha scelto Noemi come coach, oltre ad una stima personale, ha visto in lei la possibilità di seguire le sue orme. Ecco la squadra: Giuliana Danzè, Nausicaa Margarini, Chiara Furfari, Giuseppe Scianna, Flavio Capasso, Silvia Capasso, Silvia Caracristi, Diana Winter.