Sale sempre di più l’attesa per l’uscita di The Imitation Game, il film diretto da Morten Tyldum che incarna l’adattamento cinematografico della biografia di Alan Turing, uno dei padri dell’informatica e uno dei più grandi matematici del XX secolo, interpretato sul grande schermo dalla maestria di Benedict Cumberbatch. Geniale ed enigmatico: queste le due caratteristiche che meglio contraddistinguono il personaggio di Turing, uomo che mise le sue capacità al servizio dell’esercito ma che, a causa della sua omosessualità, fu perseguitato, arrestato e condannato alla castrazione chimica, tragica serie di eventi che lo portò al suicidio nel 1954. Il lungometraggio costituisce un vero e proprio ritratto di Alan Turing, personalità tanto intensa quanto particolare, magistralmente interpretata da Cumberbatch che in questa featurette esclusiva racconta la vera essenza del personaggio che, grazie alla sua mente geniale, ha contribuito durante la Seconda Guerra Mondiale a salvare milioni di vite. Ecco le immagini.

Tyldum pensa che non ci sia “storia più ricca ed affascinante della sua”, fiero di aver potuto dirigere un film sulla vita dell’uomo senza il quale “il mondo, oggi, sarebbe completamente diverso”. “Non si può sottovalutare l’influenza che ha avuto sulla vita moderna, in particolare sulla tecnologia” afferma Cumberbatch, mostrandosi orgoglioso di aver potuto interpretare il ruolo di Alan Turing. E’ stato infatti proprio il matematico e crittoanalista a formulare il primo concetto di computer, elaborandolo come un vero e proprio cervello elettronico. “Grazie al suo impegno sono state salvate moltissime vite” prosegue il regista, supportato dall’opinione del protagonista che definisce il suo personaggio come “un uomo molto complesso ma anche molto sensibile”. Come la storia ci insegna, infatti, le grandi menti hanno da sempre dovuto fare numerosi sacrifici per donare all’umanità scoperte sensazionali ed è proprio la descrizione di Turing esposta da Matthew Beard, che in The Imitation Game veste i panni di Peter Hilton, a sottolinearne la fragilità: “Alan è un genio, ma la sua vita sociale che ha dovuto sacrificare lo fa soffrire molto”.

La pellicola verrà distribuita nelle sale cinematografiche italiane dal 1 gennaio 2015 e, in attesa di poter conoscere insieme a Benedict Cumberbatch e a Keira Knightley la vera storia dell’uomo più geniale del XX secolo, ecco alcune delle immagini del film The Imitation game.

Foto ufficio stampa