Nel corso degli ultimi giorni si sta scatenando una vera e propria gara di solidarietà per aiutare le persone e i comuni colpiti dal terremoto in Centro Italia, tra le persone comuni così come tra i personaggi famosi. A lanciare un avvertimento nei confronti dei concerti di beneficenza è però Fiorello.

Attraverso un video pubblicato sulla sua pagina Facebook riguardante gli eventi post-terremoto, lo showman e conduttore radiotelevisivo ha dichiarato che spesso con questo tipo di manifestazioni i ricavati che vanno effettivamente alle persone interessate sono solo una parte.

Nel suo video-denuncia postato nelle ultime ore su Facebook, Fiorello ha affrontato il tema del terremoto e della beneficenza, dicendo che è “meglio fare in privato”. Lo showman ha quindi aggiunto: “Ieri lutto nazionale, seguire i funerali è stata una cosa drammatica, genitori che piangono i figli, quando si sopravvive ai propri figli, me lo diceva mio padre. La macchina della solidarietà è partita alla grande, e occhio attenzione, sono stato già invitato ad almeno quattro manifestazioni per raccogliere fondi. Occhio a queste manifestazioni che facciamo noi del mondo dello spettacolo. Perché se per organizzare le cose devi spendere soldi, non devolvi tutto tranne le spese, allora non lo fai. O fanno tutti beneficienza o non vale la pena”.

A proposito degli show organizzati per aiutare le vittime del terremoto, Fiorello ha quindi aggiunto: “Occhio a chi organizza questi spettacoli. Visto che ho ricevuto questi inviti, io mi fiderei di più se lo spettacolo fosse organizzato da una onlus o da una organizzazione affidabile, altrimenti la storia insegna… mi piacerebbe avere nome e cognomi. Spettacoli che si faranno pro terremoto bisogna stare attenti. Troppa gente dietro, troppi organizzatori, mi fanno paura. È meglio fare ognuno a modo suo, io preferisco fare la beneficienza privata, dai i soldi direttamente e il gioco è finito”.