I Take That perdono un altro membro. Dopo Robbie Williams – che lasciò la band nel 1995 – anche il ballerino e cantante James Orange dice addio alla boyband inglese.

Nessuna lite, solamente una presa di coscienza, dopo 25 anni di carriera, esprimendo la poca convinzione di voler continuare con la band e come questo dubbio si fosse accentuato durante il “The Progress Tour”. Della band, Orange e Howard sono gli unici a non aver avuto una carriera solista, ma questo in qualsiasi caso non è tra i pensieri di Orange.

Il comunicato è stato reso ufficiale attraverso il sito ufficiale della band, dichiarando quanto fosse “un giorno triste”, ma che comunque, anche in tre, dovranno continuare a lavorare con il nuovo album, che dovrebbe uscire nel 2015.

Queste le dichiarazioni sul sito ufficiale:

Voglio iniziare dicendo quanto sono fiero di ciò che abbiamo fatto insieme negli ultimi anni. Tuttavia, durante un incontro con la band la settimana scorsa ho confermato a Mark, Gary e Howard che non voglio impegnarmi nella registrazione e la promozione di un nuovo album. Ho passato alcuni degli anni migliori della mia vita con i Take That e vorrei ringraziare chiunque è stato parte del mio viaggio, inclusa la band, che sento come dei fratelli per me. La mia gratitudine va specialmente a tutti i buoni e gentili, belli e sempre leali fan della band, senza i quali nulla di ciò sarebbe stato possibile. Grazie.

Alla fine del “The Progress Tour” ho iniziato a chiedermi se fosse il momento giusto per me di non andare avanti con i Take That. A inizio anno, con la mia piena consapevolezza e benedizione i ragazzi hanno cominciato a scrivere nuovi materiali. Non ci sono state liti, solo una mia decisione in quanto non voglio più fare questo. So quanti Mark, Gary e Howard amino scrivere e comporre musica, e sanno di avere il mio pieno supporto ed incoraggiamento a continuare  con ciò che sarà un altro capitolo per la band.

Gli altri membri scrivono: “è un giorno triste per noi. Il fatto che Jason lasci la band è una grande perdita sia professionalmente ma ancor più personalmente. Noi siamo venuti a conoscenza di ciò qualche anno fa ma abbiamo sperato che, dandogli il tempo e lo spazio che voleva avrebbe iniziato a sentirsi diversamente. Questo non è successo e adesso dobbiamo accettare e rispettare pienamente la sua decisione che sappiamo non essere stata facile. L’energia di Jason e il fatto che abbia creduto in ciò che la band poteva ottenere ha fatto si che diventasse ciò che è oggi, e saremo per sempre grati per il suo entusiasmo, dedizione e ispirazione durante gli anni.

photo credit: Lola’s Big Adventure! via photopin cc