Divertente comedy del regista canadese Michael Dowse, “Take me home tonight” è una storia che sicuramente coinvolgerà le emozioni e le reminescenze di tutti quelli che si trovano ad aver superato da poco i trent’anni.

La storia si svolge nel 1988, l’economia americana vola e il materialismo è il credo su cui si basano le scelte della popolazione.

Ma Matt Franklin (Topher Grace), laureato al MIT e con una carriera da ingegnere molto ben avviata, non riesce ad accodarsi e decide di abbandonare il suo buon posto di lavoro per andare a lavorare in un videonoleggio, con grande disperazione del padre. Nella sua vita ricompare anche Tori Frederking (Teresa Palmer), donna bellissima a cui Matt non ha mai avuto il coraggio di confessare il suo amore.

Un momento di svolta che coinvolge anche la sua famiglia, la sorella gemella Wendy (Anna Faris), aspirante scrittrice, si trova coinvolta in una relazione con un uomo che non capisce le sue aspirazioni artistiche e il suo migliore amico Barry Nathan (Dan Fogler), venditore di automobili, viene improvvisamente licenziato.

Gli eventi si susseguono e portano i tre amici a decidere di passare una notte sopra le righe nell’intento di dimenticare i loro problemi esistenziali.

Un film sicuramente non impegnato, ma nel complesso piacevole e molto godibile, con una colonna sonora importante e attori molto bravi nell’impersonare il loro ruolo.