Suor Cristina si dice più che convinta: la sua strada è quella che ha intrapreso nel 2012 quando, dopo essere stata 2 anni in Brasile per il noviziato, ha preso i primi voti. Durante la conferenza stampa tenutasi negli studi di via Mecenate in occasione della finale di The Voice of Italy, Suor Cristina Scuccia ha risposto a tutte le domande che mettevano in dubbio la sua fede e il suo futuro come suora Orsolina. Ecco cos’ha dichiarato all’inizio dell’incontro (scopri qui tutte le anticipazioni della finale di The Voice).

“E’ stata un’esperienza bellissima che mi porterò dentro, mi ha arricchita tanto fin dal primo incontro con i coach” dice Suor Cristina, che non dimentica mai Gesù e la sua fede che l’hanno portata a intraprendere il cammino di The Voice. “Ho un dono e ve lo dono”, il cavallo di battaglia che l’ha contraddistinta dalle blind auditions fino ai tweet che hanno fatto il giro del mondo, è stato ripetuto più volte anche oggi da SisterAx, come l’ha simpaticamente soprannominata il suo coach J-Ax (guarda qui il video della sua interpretazione di Sally). Dopo tutte le bufere che negli ultimi mesi sono nate per via del suo abito e per ciò che rappresenta, Suor Cristina non si arrende e continua a voler portare il suo messaggio evangelico attraverso il tubo catodico. Lo ha confermato più volte, ribadendo che non abbandonerà mai la Chiesa, nemmeno se dovesse vincere The Voice. Ecco le sue parole.

“Per fare un disco non rinuncerei mai all’amore più grande della mia vita”. Non ci sono dubbi a quanto pare: anche se Suor Cristina dovesse essere “La voce” 2014, niente cambierà nella sua vita. La musica e Dio faranno sempre parte di lei, anche nell’eventualità le venisse proposto un contratto discografico. Restiamo allora in attesa di scoprire se sarà lei la vincitrice di The Voice of Italy 2014.