Ancora qualche giorno (arriva il 29 agosto), e finalmente anche in Italia arriverà il successo franco-canadese diretto da Ken Scott STARBUCK 533 figli e… Non saperlo!

Dopo aver sbancato il box office in Canada ed essere entrato nel cuore dei francesi che l’hanno definita la miglior commedia dell’anno e aver fatto impazzire Steven Spielberg e la Dreamworks a tal punto da volerne produrre il remake Hollywoodiano, firmato dallo stesso Scott (The Delivery Man), il film arriverà nelle nostre sale per farci ridere ed emozionare, ma anche riflettere sull’importanza di valori importanti come quello della famiglia.

La pellicola affronta il tema della inseminazione artificiale e di una paternità improvvisa e quanto mai prolifica in un mix di risate, ritmo e sconvolgimenti emotivi.

All’età di 42 anni, David conduce la vita di un adolescente irresponsabile e mantiene una complicata relazione con Valerie, una giovane poliziotta. Quando Valerie scopre di essere incinta, Il passato di David riaffiora. Vent’anni prima infatti, per sbarcare il lunario, David donava sperma in una clinica. David scopre di essere così diventato padre di 533 ragazzi, 142 dei quali hanno intrapreso una causa legale per scoprire l’identità del loro padre biologico, conosciuto solo con lo pseudonimo di Starbuck.