A primeggiare tra i concorrenti dello spettacolo televisivo Masterchef Italia – nel quale, oltre alla sua intrinseca funzione di intrattenere il pubblico a casa, va anche il merito di fornire un’occasione ai suoi partecipanti, scoprendone l’eventuale talento e lanciandoli nello show business – è il trentasettenne modenese, ma ateniese di nascita, Spyros.

Oltre ad aver stregato il pubblico, che sulla sua pagina facebook posta messaggi di incoraggiamento e di affetto, Spiros, a detta del suo compagno, sarebbe nelle grazie anche della giuria composta da nomi altisonanti dell’arte gastronomica, per la spontaneità con cui manifesta l’aspetto emozionale della sua personalità.

Spiros ha dichiarato con estremo candore, infatti, che in cucina si è sempre impegnato, ma che i suoi primi passi nel mondo dei fornelli siano stati davvero poco apprezzabili, almeno rispetto ai risultati ottenuti nella trasmissione in onda sul canale Sky (Cielo), dal quale è derivata la notorietà e l’alto indice di gradimento per quel mix di modestia e talento.

Il cuoco di origini greche ma dalla forte inflessione regionale dell’Emilia Romagna, è riuscito così a impressionare maestri della cucina come  Davide Scabin, il quale gli ha proposto anche un periodo da stager presso il suo ristorante, sia Gualtiero Marchesi, Bastianich o Cracco, arrivando alle finali di “Masterchef Italia”.