La passione per il mare, soprattutto per il Mediterraneo nutrita da Steven Spielberg non è una novità tuttavia la sua correttezza in acqua merita di essere sottolineata.

Colto nei giorni scorsi in un attracco troppo ravvicinato sulle coste della Maddalena, Spielberg avrebbe fatto pubblica ammenda e pagato lo stesso giorno la contravvenzione di 127 euro, recapitatagli dalla Capitaneria.

Da luglio Spielberg naviga nel Mediterraneo sul superyacht Seven Seas.

L’ imbarcazione è un gioiello di tecnologia: lungo 90 metri, due motori da 4.600 cavalli, eliporto, 26 uomini d’ equipaggio, 12 cabine, 4 suites per vip, salone di 250 metri quadri che si trasforma in discoteca, 2 piscine, stazione termale, 2 sale per proiezioni cinema.

È costato 200 milioni di dollari.

La segnalazione dell’avvistamento della nave fin troppo vicina alla costa era stata inoltrata alla Capitaneria da un cittadino allarmato, che non immaginava potesse trattarsi proprio del noto regista statunitense.

Una volta sulla terra ferma Spielberg si è concesso ai fan firmando autografi e creando un vero e proprio marasma di ammiratori.

In breve tempo si è sparsa la voce e sono dovute intervenire le forze dell’ordine per riportare l’ordine.

Alle imbarcazioni con il motore in funzione non è consentito di avvicinarsi a meno di 300 metri dalla costa.

Stando alle testimonianze della gente presente all’accaduto il regista avrebbe voluto sbrigare subito le pratiche di pagamento dell’ammenda, tuttavia la procedura non lo consente.