L’agente segreto più famoso al mondo ritorna per una nuova avventura, e questa volta la faccenda è personale: siamo abituati a questi proclami roboanti, sopratutto quando si parla dello 007 James Bond, ma il trailer di Spectre pubblicato in questi istanti dalla Sony Pictures sembra essere all’altezza delle aspettative finora create.

Seconda prova alla regia di Sam Mendes (che nel frattempo ha annunciato di voler chiudere qui il suo coinvolgimento nella lunghissima saga cinematografica), Spectre vede il ritorno di Daniel Craig nei panni di James Bond dopo la rivoluzione copernicana di Skyfall, film di produzione britannica più visto di sempre.

Questa volta la cosiddette Bond Girl che lo affiancheranno saranno ben 4, e gli sceneggiatori hanno promesso di aver creato personaggi femminili indipendenti e al passo coi tempi (una novità, vista la tendenza misogina sotterranea alla saga): Léa Seydoux interpreterà Madeleine Swann, dottoressa e figlia di un assassino; Monica Bellucci sarà Lucia Sciarra, nuovo interesse romantico di Bond e vedova di un boss mafioso; Naomie Harris ritornerà nei panni della storica Eve Moneypenny, collega fidata dall’agente segreto; nulla invece è noto riguardo a Stephanie Sigman, che vestirà i panni della misteriosa Estrella.

Ma la vera minaccia sarà costituita dall’Oberhauser di Cristoph Waltz, il nuovo villain a capo della potentissima organizzazione segreta Spectre, che emergerà proprio dal passato turbolente e pieno di segreti di Bond. Nel trailer del film è possibile vedere in azione uno dei probabili scagnozzi del mefistofelico antagonista, che ha le fattezze colossali di David Bautista (recentemente apprezzato in I Guardiani della Galassia, dove offriva una buona prova comica e drammatica); altre presenze importanti sono quelle di Ben Whishaw, che per la seconda è il genietto tecnologico Q, e il nuovo capo dei servizi segreti M, ovvero Ralph Fiennes.

Il filmato mostra alcune delle location del film, in uscita nei cinema l’11 novembre: tra Città del Messico, le alpi austriache e la tradizionale Londra gli spettatori italiani riconosceranno sicuramente l’inseguimento automobilistico girato nei mesi precedenti sul lungotevere di Roma.