Dopo il successo del “Soul Boys of the Western World Tour”, che in Italia ha registrato il tutto esaurito nelle tappe di Milano, Torino, Padova e Firenze, gli Spandau Ballet annunciano che torneranno nel nostro paese per tre live estivi.

La band inglese capitanata da Tony Hadley sarà dunque in concerto il 6 luglio all’Arena di Verona, il 14 alla Cavea dell’Auditorium di Roma e il 16 al Teatro Greco di Taormina. La prevendita dei biglietti partirà alle ore 12 di martedì 7 aprile su Ticketone.it.

Si chiude intanto oggi, lunedì 30 marzo, la prima parte della tournée italiana degli Spandau Ballet, in concerto al PalaLottomatica di Roma a partire dalle 21. Due ore di live in cui Tony Hadley e compagni, attraverso brani come “Highly Strung”, “Only When You Live”, “True”, “Through The Barricades” e “Gold”, ancora una volta ripercorreranno una storia segnata da oltre 25 milioni di dischi, innumerevoli riconoscimenti e un seguito di pubblico che, dopo oltre 40 anni, non accenna ad diminuire.

Siamo in scena in maniera tradizionale – ha spiegato Hadley qualche settimana fa – basso, chitarra, batteria, tastiere, sassofono, suoniamo quella che ci piace definire una buona miscela di pop e rock. E oggi tutti noi siamo più bravi di prima, la band suona meglio, io canto meglio e questo si sente. Ma, ed è questo il bello, ci sarà anche una sezione dedicata alle nostre origini. Noi siamo nati come synth band, elettronica, pezzi come “To Cut A Long Story Short”, “Mandolin”, “The Freeze”, “Reformation”, li riproporremo come quando le abbiamo scritte, con le tastiere, e devo dire che suonano ancora magnificamente“.

Formatisi verso la fine degli anni ’70, gli Spandau Ballet si impongono presto tra le band simbolo della Gran Bretagna. Vendono oltre 25 milioni di dischi, ottenendo numerosi dischi di platino e divenendo uno dei migliori gruppi degli anni ’80. Del 1988 la notizia del loro scioglimento, ma a distanza di quasi 30 anni i numerosi rumors trovano conferma e il 25 marzo 2009 il gruppo annuncia ufficialmente la riunione della band. Allo stesso anno risale l’album “Once More”, che ripropone tutti i successi degli Spandau Ballet riarrangiati, oltre a due nuove canzoni, cui fa seguito un tour che torna a far registrare il tutto esaurito ad ogni appuntamento. Nel 2014 la band è quindi impegnata nella promozione del film documentario “Soul Boys of the Western World” e di “The Very Best of Spandau Ballet: The Story”, raccolta dei più grandi successi del gruppo, che contiene anche 3 nuove canzoni prodotte dal leggendario discografico Trevor Horn: il tormentone radiofonico ‘This Is The Love’ e il singolo ‘Steal‘. Un nuovo album di studio è previsto per il 2015.