Ci sono delle giornate in cui anch’io vorrei essere morto. Per esempio, oggi devo accompagnare zia Rosina al cimitero. La zia, tanto ricca quanto rompiballe, è soprannominata “Carbonio 14″ perché questo sembra essere l’unico metodo di datazione abbastanza affidabile per definire la sua età. La vecchia incartapecorita ha deciso di visitare il camposanto per vedere se c’è qualche loculo libero da comprare perché “Bisogna pensare a queste cose per tempo”, come ha detto ieri a cena facendo grattare all’unisono tutti i membri maschili presenti.

La noia, manco a dirlo, è mortale, ma ho come me il fidato tablet: abbandono la zia al suo deambulare incerto tra marmi, loculi e lapidi, mi cerco un posto riparato ed avvio Sky Online, che ho giusto installato ieri per sopravvivere a questa giornataccia. Permette di accedere via internet a 30 serie TV per 9,90€ al mese oppure 500 film per 19,90€, per non parlare degli eventi sportivi. Io ho attivato l’offerta per una settimana di prova ad un solo euro.

Mi metto quindi subito a vedere l’ultimo episodio di The Walking Dead, la mia serie preferita: grande trama, azione, pistole, sangue, morti & non morti. Rick, il protagonista, sta esplorando una casa in cerca di provviste, ignaro di un vagante che si avvicina minaccioso alle sue spalle: la tensione si taglia con un coltello e mi faccio trasportare, urlando “Attento, hai uno zombie alle spalle!”.

Ironia della sorte, il mio grido raggiunge il becchino, che stava scavando una fossa assorto nei suoi pensieri, proprio mentre zia Rosina si avvicinava alle sue spalle per chiedergli un’informazione. Risultato: adesso sono in ospedale, dove aspetto che i medici la visitino per la ferita da badile che si ritrova in fronte. Chissà se c’è anche Grey’s Anatomy su Sky Online.

Publiredazionale