Novità sul fronte Siae. La Società Italiana degli Autori ed Editori che si occupa della gestione del diritto d’autore ha annunciato un’importante novità, con il lancio di un nuovo servizio online chiamato mioBorderò che interessa i nuovi artisti e autori e che prevede per loro delle agevolazioni.

In seguito al Consiglio di Gestione che si è riunito alla presenza del Presidente Filippo Sugar, Siae ha deciso di lanciare il nuovo servizio mioBorderò già a partire dal prossimo 1 luglio. È stato lo stesso Sugar a commentare questa decisione, dichiarando: “Il nuovo servizio online mioBorderò riafferma la tradizione di SIAE che, rispetto alle consorelle europee, da sempre distribuisce gli incassi in maniera maggiormente analitica”.

Il presidente della Siae ha poi annunciato il potenziamento della componente online: “Le nuove disposizioni rientrano nell’ambiziosa agenda digitale per la quale abbiamo investito in 2 anni 16 milioni di euro che include inoltre la piattaforma per i pagamenti online, i permessi per la musica d’ambiente e le feste private online, il nuovo portale servizi per gli associati, le iscrizioni on line, il nuovo portale per gli organizzatori di eventi e i depositi on line”.

Tra le novità, Siae annuncia una collaborazione con SoundCloud, popolare piattaforma di hosting a carattere musicale, usata da numerosi artisti e gruppi soprattutto della scena alternativa per lanciare in streaming i propri brani musicali. A SoundCloud verrà concessa una licenza multi-territoriale per due servizi streaming in abbonamento e per un servizio gratuito basato sugli introiti pubblicitari.

Tra le novità previste da Siae vi sono inoltre nuove norme per la disciplina dei concerti con esibizione di artisti supporter, per la percentuale degli incassi da attribuire alle opere eseguite dall’artista principale e per quella da attribuire alle opere eseguite dall’artista supporter, ovvero in genere la band che apre il concerto di un gruppo più noto. Tale modifica prevede una percentuale del 5% per gli incassi riservati ai programmi dei supporter, per un importo massimo concretamente attribuibile pari a mille euro. Questo provvedimento è mirato a rendere più facile per i giovani artisti e autori nell’essere ospitati come supporter nei concerti degli artisti più popolari.