Oltre alle ricerche sulla coppia, sui comportamenti sociali e sulla sessualità – alcune delle quali ci saremmo evitati volentieri – spunta un recentissimo studio saldamente legato al mondo delle serie tv.

Secondo la Washington State University e la sua ricerca pubblicata sulla rivista ‘Journal of Health Communication‘ c’è una stretta correlazione tra l’amore per le serie tv di genere crime (come CSI ed NCIS per citare le più popolari) e il comportamento concreto in caso di pericolo imminente.

In pratica, avendo studiato gli atteggiamenti potenziali degli amanti del genere, i ricercatori si sono resi conto che le serie televisive dal contenuto violento, a base di omicidi, serial killer e stupri, favorirebbero una maggiore propensione all’azione nel momento in cui uno degli spettatori si dovesse trovare in una situazione di pericolo.

Soprattutto per quanto riguarda i casi di violenza sessuale: in pratica gli studiosi ci stanno dicendo che, se amiamo i crime e ci trovassimo a dover sventare uno stupro, saremmo più propensi all’azione di coloro che amano le comedy.

Questa la dice lunga su due cose: quanto i ricercatori si divertano a sviscerare tematiche assurde e quante riflessioni potremmo legare a questo studio.

In buona sostanza, voi, studiosi mi state dicendo che da appassionata di serie tv sui vampiri, sarei più preparata a combatterli se ci dovesse essere un’invasione? E dove trovare la forza, visto che tutti gli show dedicati  ti insegnano piuttosto a come innamorarti di loro?

E se mi piacciono le comedy e mi diletto guardando Modern Family, vuol dire forse che mi piace prendere tutto alla leggera e sono una persona superficiale?

Potrei continuare per ore, ma mi fermo qui. Amanti dei crime, tenetevi pronti a sventare il crimine nelle vostre città. Per i ricercatori siete i nuovi Superman…