Sergio Castellitto sarà lo psicanalista della versione italiana della serie di culto firmata HBO In Treatment, prodotta da Sky e in onda dal 1° aprile su su Sky Cinema 1, ogni giorno dal lunedì al venerdì.

In ogni puntata viene mostrata una seduta tra Giovanni Mari e i suoi pazienti, tra i quali Kasia Smutniak e Adriano Giannini, toccando temi come le nevrosi di coppia, il sesso, l’adolescenza e la crisi di mezza età. Argomenti di estrema attualità in un periodo storico come quello attuale dove la necessità di esteriorizzare le proprie paure, la propria interiorità è assolutamente indispensabile; non a caso uno dei settori che non accusa il peso della crisi è proprio quello della psicoterapia.

Sergio Castellitto, riferendosi al personaggio della serie ispirata ad un format israeliano e già adattata in 13 Paesi, considera come la figura dello psicanalista non è molto diversa da quella del regista: “In fondo uno psicoterapeuta è uno che ti conduce in una direzione piuttosto che un’altra, quindi manipola in qualche misura, anche se in apparenza non lo fa, le parole che si sente dire e raccontare. Costringe il paziente a prendere una posizione piuttosto che un’altra“.

L’attore, invece, secondo la visione di Castellitto, avrebbe proprio come il paziente la necessità di essere perennemente ascoltato: sarebbe nella sua natura stare lì e dire ascoltatemi, guardatemi, in silenzio. Come se, in fondo, quel divano fosse metafora di un palcoscenico.