I giudici devono decidere chi partirà per primo, il verdetto in busta chiusa, si saprà solo sabato in diretta.

Siamo ormai alle ultimissime battute del serale di Amici 2013, i giochi sono pressocchè fatti, i quattro finalisti ci sono, dopo l’eliminazione di Pasquale nella semifinale, sabato 1 giugno, saranno Verdiana, Nicolò, Greta e Moreno, a contendersi il premio finale di 150mila euro. La finale andrà finalmente in diretta, dunque, entrerà anche il televoto che deciderà le sorti dei quattro ragazzi.

Per Gabry Ponte, Sabrina Ferilli e Luca Argentero, però, c’è un’altra decisione da prendere, scegliere chi aprirà la gara finale del serale di Amici 2013. Incontreranno i ragazzi e, dopo una breve esibizione e qualche domanda di rito, scriveranno il nome del prescelto, rimarrà tutto segreto fino alla serata finale.

Tutto questo lo ha spiegato nel daytime del serale di Amici 2013 la stessa Maria De Filippi ed il primo ad incontrare i quattro finalisti è stato Luca Argentero. Il primo esaminato è stato Moreno che ha cantato ‘Attento’. Il successo del rapper è innegabile, tanto che è primo nelle classifiche di vendita Fimi. Questo presuppone tanti incassi e Luca Argentero gli chiede quale sia il suo rapporto con i soldi:

Nessuno, non li ho mai avuti, ho risparmiato qualcosa. Tutto quello che si ha lo si mette da parte e lo si dà a mamma babbo.

Fra trent’anni si vede a lavorare con i giovani, Moreno si sente già un po’ vincente per gli ostacoli superati fino ad oggi, e se dovesse arrivare la vittoria al serale di Amici 2013: “Se riesco a fare ancora meglio è la ciliegina sulla torta”, conclude il rapper.

A Verdiana e Greta l’attore chiede una comparata, cantano ‘Stiamo come stiamo’ di Loredana Bertè. Entrambe sono concordi nel dire che iniziare subito ha i suoi pro ed i suoi contro: “Dipende dalla voce … forse però hai visibilità in senso buono”. Per Verdiana c’è la possibilità di farsi conoscere meglio: “… ma puoi sentire la fatica e l’ansia”.

Nasce una piccola polemica fra Greta e Verdiana alla domanda impertinente di dire il difetto tecnico dell’altra. Per Greta è la nota perfetta, così risponde Verdiana: “Questa non deve diventare una pecca. Si può arrivare comunque al cuore”. Le ragazze continuano a discutere nelle proprie casette con i rispettivi compagni.

Anche Nicolò si esibisce, per lui un assolo classico. Bravo e umile, non si aspettava di arrivare fino a questo punto:

In finale avevo sempre visto gli altri 3, da quando li ho visti li ho ritenuti talenti eccezionali e credo molto in loro, sono forti. Se mi battono sono contento.

Nel futuro vorrebbe insegnare danza ai ragazzi, aprire un’accademia tutta sua dove poter trasmettere ai giovani quello che sarà riuscito ad imparare fino a quando smetterà di danzare.

A conclusione del suo incontro con i ragazzi, Luca Argentero ha analizzato il percorso di tutti ad Amici 12 e ricorda che tutti i giudici si sono alzati in piedi alla fine della performance finale di Nicolò alla semifinale per rendere onore ad una esibizione tanto eccellente:

Greta, inizialmente, non la davo per favorita ma ha una voce molto particolare e riconoscibile. Dopo una sua esibizione ci guardammo tutti e tre e pensammo: così funziona. Verdiana mi ha subito colpito perché ha la canna sparata a mille come dote naturale, ho apprezzato la sua compostezza. E’ consapevole delle sue potenzialità e costante. Moreno si diverte con il pubblico, riesce a comunicare ciò che ha da dire, scrive cose interessanti, si sa esibire, si comporta come un navigato. E’ uno showman.