Le dipendenze che affliggono molti ragazzi, come droga, alcol, tabacco, gioco d’azzardo ed Internet, saranno al centro della seconda puntata di “Senza peccato”, il programma condotto da Milo Infante, in onda stasera martedì 16 settembre, alle 23.45 su Rai 2.

Alcune di queste dipendenze sono del tutto nuove – generate magari dalla recente diffusione di alcune tecnologie– altre sono ben conosciute, trasversali a più generazioni, ma negli ultimi anni sono pericolosamente mutate, come nel caso delle droghe sintetiche, o alla diffusione delle slot machine e del poker online. Delle vere e proprie trappole, per i giovani, perché capaci di affascinarli facilmente, distruggerli con ferocia e spesso non lasciarli più, anche con conseguenze fatali, o comunque gravissime.

Molte le storie che saranno raccontate nel corso del programma. Come quella di Kristel, una ragazza di 19 anni, campionessa di sci, che una sera del 2008, a Clusone (Bergamo), in discoteca prova una pasticca di ecstasy, per la prima volta in vita sua, e che poche ore più tardi morirà di edema cerebrale. “Senza peccato” racconterà anche la storia di Nicola, un ragazzo entrato nel giro del gioco d’azzardo, che lo ha portato a distruggere la propria vita, a rubare e a spendere anche molte migliaia di euro al mese.

Infine, le testimonianze anche di chi ce l’ha fatta, come quelle di Francesco e Beatrice, ospiti della comunità di San Patrignano ed ex tossicodipendenti.