Arnold Schwarzenegger tornerà nella saga di Terminator. Lo storico protagonista della serie fantascientifica non sarà però presente soltanto nel prossimo film Terminator: Genisys, ma si è dichiarato a disposizione per girare anche i due annunciati sequel.

Schwarzenegger ritorna quindi a impossessarsi della saga, dopo essere stato assente dall’ultimo episodio. Schwarzy era stato il grande protagonista dei primi due storici Terminator e Terminator 2 – Il giorno del giudizio diretti da James Cameron, così come di Terminator 3 – Le macchine ribelli diretto da Jonathan Mostow, mentre in Terminator Salvation, che vedeva come protagonista Christian Bale, era presente soltanto in un breve cameo.

Terminator Genisys, diretto da Alan Taylor, arriverà nelle sale americane l’1 luglio, mentre in Italia uscirà il 9 luglio distribuito da Universal Pictures. La produzione ha però già annunciato due sequel per la pellicola, il sesto film della serie previsto in arrivo il 19 maggio 2017 e il settimo il 29 giugno 2018 e Arnold Schwarzenegger ha ora confermato la sua volontà di partecipare a entrambi sempre che, in caso di successo di Genisys, vengano effettivamente realizzati.

Riguardo alla nuova pellicola della serie di Terminator, Schwarzenegger ha dichiarato: “È diversa dalle precedenti, e c’è sempre stato un lungo lasso di tempo fra il primo, dell’84, il secondo del ’91 e il terzo, del 2000. Oggi si fa sempre meno caso alla distanza tra certi eventi. L’entusiasmo è lo stesso, non è stato difficile riprendere il personaggio: è dentro di me, una seconda natura. Certo, si è evoluto, come me che sono passato dal body building al cinema alla politica e ora torno agli inizi.”

A proposito della sua sempre invidiabile forma fisica, l’attore 67enne ha affermato che: “Non ho mai smesso di allenarmi, nemmeno quand’ero governatore. Un’ora almeno di pesi e cardio al mattino presto. Altrimenti non sto bene. Ho imparato a gestire i problemi alla spalla, all’anca, al ginocchio, ho subito vari interventi ricostruttivi. Come Terminator, anche a me sono state sostituite molte parti”.